10011454_561537483945502_1538007674_n

 LA RICETTA PER   IL RISOTTO CON LA BORRAGGINE

la borraggine è molto usata (o almeno lo era) in cucina, sia passando le foglie in una pastella di acqua e farina e poi fritte, sia nelle tradizionali zuppe lucchesi.
è tutta buona da usare, compresi i fiori.
in una pentola preparate del brodo vegetale con sedano, cipolla carota pepe e sale, poi fate un trito con una cipolla bionda o anche il porro và bene, fatelo andare nella pentola dei risotti con del burro o con burro e olio per una decina di minuti aiutandovi aggiungendo un cucchiaio di brodo ogni tanto affinché non bruci, mettete un pugno di riso a commensale più uno per la pentola e fatelo diventare lucido (occorrerà un minuto), aggiungete le foglie e i fiori della borraggine tritati o spezzettati grossolanamente (almeno due grosse manciate a commensale), fate insaporire e cominciate ad aggiungere brodo poco per volta, mettete ora anche degli steli di erba cipollina tritata che darà una nota in più al piatto e cuocete.
quando il riso è al dente togliete dal fuoco e aggiungete una bella noce di burro e parmigiano abbondante, mantecate bene e dopo un minuto servite.
i vostri commensali rimarranno strabiliati dalla bontà, e voi potrete tranquillamente ostentare l’orgoglio di chi ha fatto un grande piatto da grande chef.
mi raccomando che venga servito “all’onda” e non asciutto e portate il parmigiano in tavola che ogni commensale si metterà a piacere nel proprio piatto.  ricetta di ezio lucchesi

Share