la ricetta per  i FRATI E BOMBOLONI

Ricetta del mio amico Vito15000876_1107301386035773_1459661726439504687_o
200 gr. Farina 00 30 gr. di strutto 35 gr. di zucchero + 35 gr. per la guarnizione 1 tuorlo d’uovo 10 gr. lievito di birra 80 ml di acqua o latte Sale
Scorza di limone biologico Strutto o Olio di semi di arachide per friggere
La ricetta originale prevede l’uso dello strutto anche per la frittura. Se non si è sicuri della qualità dello strutto utilizzare il burro per l’impasto e l’olio per la frittura.
In una tazza, sciogliere il lievito in poca acqua tiepida. Dopo una decina di minuti unire il lievito agli altri ingredienti ed impastare ancora per dieci minuti, creando una palla omogenea e morbida. Mettere a lievitare in una zuppiera cosparsa di farina sul fondo e coperta con un panno umido in un luogo caldo e senza correnti d’aria.
Dopo circa due ore prendere la pasta e spianarla con un matterello: dovrà essere alta un dito. Con dei coppa pasta o altri stampini ricavare delle ciambelle e metterle sopra una teglia da forno spolverata di farina. Gli scarti del ritaglio devono essere rimpastati e spianati o, come alternativa, i dischi centrali possono essere utilizzati per fare dei bocconcini. Quando i frati sono rilievitati (due o più ore), friggerli in una padella in abbondante olio caldo, non troppo bollente. Devono galleggiare. Appena il bordo prende un colore nocciola chiaro, girare e fi nire di cuocere dall’altra parte.
Sgocciolare e mettere ad asciugare su della carta gialla o altra carta assorbente.
Appena sgocciolati ma ancora caldi passarli in un piatto con lo
zucchero facendo in modo che lo zucchero si attacchi da entrambi i lati.
Nello stesso modo si fanno le bombole o bomboloni, ma l’impasto deve essere steso più basso. Si ricavano dei dischi che vanno uniti a due, uno sopra l’altro, interponendo marmellata o crema pasticcera; i due dischi devono essere poi sigillati lungo il bordo con il dito inumidito di latte, facendo una leggera pressione. Si rimette a lievitare e poi si passa alla frittura.
Altrimenti, per fare le bombole, possono essere utilizzati gli appositi tubetti di acciaio o alluminio, gli stessi dei cannoli: una volta fritte si riempiono con una siringa di crema o crema al cioccolato.
FRATI E BOMBOLONI (seconda ricetta)
Trovata ora su un libro di ricette lucchesi vecchie
25 gr di lievito di birra messo in un goccio di latte caldo, mischiare un pugnetto di farina formando una pappetta morbida da lasciar lievitare in una fontana di farina.
Quando la pappetta è lievitata aggiungere 500 gr di patate lessate e passate al setaccio, 3 cucchiai di zucchero, 1 uovo intero, una noce di burro, la buccia grattugiata di un limone e un bicchiere di latte.
Impastare bene con la farina (circa mezzo chilo) e è da tenere presente che meno farina si adopera più i bomboloni saranno soffi ci (come gli gnocchi)
Lavorare bene poi fare delle palline grosse come un uovo,, lasciate lievitare in un luogo tiepido e poi friggerete in olio o strutto.
questa ricetta dovrebbe essere suffi cente per 60 bomboloni
fonte ezio lucchesi

Share