A seguito delle disposizioni del Governo per evitare assembramenti e prevenire i contagi

LA PROVINCIA CHIUDE AL PUBBLICO LE PROPRIE STRUTTURE MUSEALI E IL CANTIERE GIOVANI FINO AL 3 APRILE

Si tratta del Museo del Risorgimento (Mur) e del Museo Cresci a Lucca, della Fortezza di Mont’Alfonso

a Castelnuovo di Garfagnana e di Villa Argentina a Viareggio

La Provincia di Lucca a seguito dei recenti decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e delle disposizioni preventive emanate in questi giorni per arginare il contagio del coronavirus sul territorio nazionale, ha deciso di chiudere al pubblico fino al 3 aprile (salvo ulteriori disposizioni) le strutture museali di competenza, comprese le sale monumentali di Palazzo Ducale dove dalla scorsa settimana erano già state annullate tutte le iniziative pubbliche in programma e il Cantiere Giovani sulla via del Brennero a Lucca.

Saranno quindi chiusi al pubblico: il Museo del Risorgimento (Mur) e il Museo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana con sede a Palazzo Ducale a Lucca; Villa Argentina a Viareggio, dove peraltro già dalla scorsa settimana era state annullate le iniziative culturali e le presentazioni letterarie, e la Fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana quindi compresa la biblioteca del Centro tradizioni popolari ospitata nei locali della Casa del Chirurgo.

Sono al momento sospese, fino ad ulteriore comunicazione, le visite alle sale monumentali di Palazzo Ducale e al Percorso olfattivo napoleonico “Il Naso e la Storia” dove anche il terzo sabato del mese si tengono le visite guidate straordinarie in occasione del Mercato dell’antiquariato di Lucca.

L’amministrazione provinciale sta provvedendo ad affiggere i cartelli che comunicano la chiusura sui portoni di ingresso delle varie strutture museali.

Per eventuali informazioni i cittadini possono scrivere a musei@provincia.lucca.it

Share