La Polizia di Stato di Lucca, in collaborazione con il Servizio per la Cooperazione Internazionale della Polizia di Stato, ha eseguito un provvedimento di cattura internazionale nei confronti di un cittadino marocchino di 47 anni per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Nella tarda mattinata di ieri, personale della Squadra Mobile della Questura, facendo seguito alle segnalazioni del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia circa la possibile presenza sul territorio della provincia del soggetto ricercato, ha condotto immediati accertamenti volti al suo rintraccio.

Le prime indagini hanno permesso di appurare che il soggetto si trovava a Lucca. Sono stati quindi effettuati mirati servizi di osservazione e pedinamento, estesi anche al nucleo familiare, all’esito dei quali l’uomo, regolare sul territorio nazionale, è stato individuato e fermato.
Sottoposto ad accertamenti fotodattiloscopici che ne hanno confermato l’identità, gli è stato notificato il provvedimento di cattura e successivamente si è proceduto alla sua traduzione in carcere.
Il provvedimento è stato emesso dall’Autorità Giudiziaria marocchina al termine di attività investigativa avviata dalle Autorità di Polizia di quel Paese, nella seconda metà di agosto 2019, in ordine ad un flusso di cittadini marocchini che emigravano clandestinamente verso l’Europa.

L’indagine ha dimostrato che l’uomo in due diverse circostanze aveva fornito aiuto ed assistenza ai migranti in Marocco, in cambio di denaro.

Share