La Polizia di Stato di Lucca ha denunciato all’A.G. un cittadino italiano 46 enne, autore di un furto aggravato ai danni di alcuni distributori automatici di bevande presenti all’interno di uno stabilimento industriale del capoluogo, in zona San Concordio.
Il furto, a seguito del quale erano stati asportati poche decine di euro oltre a snack e bevande, era stato commesso tra l’8 e l’11 ottobre scorso e nel corso del sopralluogo eseguito dalla Polizia Scientifica, il cui supporto era stato richiesto da personale delle Volanti, erano stati esaltati dei frammenti di impronte papillari.
Le successive indagini dattiloscopiche svolte da personale della Dattiloscopia Giudiziaria del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Firenze hanno consentito di accertare che i frammenti lasciati sulla scena del crimine appartengono ad un soggetto pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, senza fissa dimora sul territorio nazionale. Lo stesso è stato quindi denunciato all’A.G. dalla Squadra Mobile della Questura.
Il medesimo individuo si era reso responsabile, lo scorso mese di dicembre, di una fatto analogo commesso in un altro capannone industriale, questa volta in via del Brennero, in cui aveva divelto le macchinette distributrici di bevande asportando 50 euro in monete. Nella circostanza, il tempestivo intervento degli equipaggi dell’U.P.G.S.P. aveva portato al suo arresto in flagranza.

Share