La polenta era cibo dei poveri.

 


C’è stata nei secoli scorsi, fino agli anni Cinquanta del Novecento, un’Italia agricola, molto povera…e, storicamente, la polenta è sempre stata un grande sostegno alimentare per contadini e montanari soprattutto nell’Italia settentrionale. Si insaporiva con un po’ di formaggio, erbe ripassate, funghi, con un sugo alla buona, con l’aringa, Purtroppo, spesso, non potendosi permettersi un’alimentazione molto variata, in tanti poi finivano per ammalarsi di pellagra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share