La peste del 1630 e il coranovirus di oggi…

 


In tempi passati, di fronte a calamità e pestilenze, la gente pregava e si rivolgeva ai suoi Santi Protettori. Nella peste del 1630 la gente del Borgo si rivolse con fede al SS.Crocifisso, la cui immagine risale al sec.XV.
Quanti oggi pregano di fronte alle odierne epidemie?
Potrebbe essere un dibattito interessante.
Leggi la storia del SS.Crocifisso del Borgo su www.gabrielebrunini.it

LA PESTE DEL 1630: QUANDO BORGO A MOZZANO FU SALVATO DAL SS. CROCIFISSO

Mentre scrivevo la storia del convento di San Francesco, tra i pochi documenti di quell’archivio, ho trovato un foglio davvero interessante, che parla della peste del 1630; proprio la stessa epidemia che colpì anche Milano e la Lombardia e che il Manzoni rese celebre inserendola ne “I promessi sposi”. Sembra che il terribile morbo si sia propagato nella nostra zona con gli indumenti contaminati, tolti agli appestati, arrivati in una delle prime cartiere, che si trovava ad Anchiano; dagli indumenti, una volta macerati, si ricavava la carta.
Il documento trovato è la “Copia a Lettera del Manoscritto Latino, ed Italiano relativo alla peste del 1630 che si conserva nelle memorie appartenenti al SS. Crocifisso del Borgo di Lucca”, ristampato dalla Tipografia di Natalia Vannini nel 1927.
Nel foglio c’è il resoconto della grave epidemia, che colpì “tutte le città d’Italia”; e del modo con cui i fedeli di Borgo a Mozzano si rivolsero al miracoloso Crocifisso. Dice dunque il documento:
“Erano nell’anno del Signore 1630, quasi tutte le Città d’Italia dal crudelissimo morbo contagioso angustiate, quando la nostra Città di Lucca travagliando nel medesimo male provava non meno dell’altre Città infette l’aspri rigori della morte (poiché dall’anno 1630 fino al 1632, perirono dentro al suo cerchio circa quindicimila persone, senza quelle del suo contado) per il che la Comunità del Borgo da giusto timore assalita temendo non provare anch’essa per la comodità del passo, come molte altre Comunità di questa Eccellentissima Repubblica, tal male, con maturo, e pio consiglio giudicò di fare ricorso all’inesausto fonte della vera misericordia, acciò come quello, il quale per la salute di tutto il Mondo non sdegnò esser confitto in un tronco di croce, così ancora si compiacesse per la salute del populo del Borgo ricevere la protettione, a difesa di quel Castello. Laonde l’anno medesimo 1630 a 15 Decembre questa Santissima Imagine del Crocifisso con velo ascosa è portata sotto il Baldicchino per mano del Reverendo Padre Maestro Mauritio Monoliva Lucchese professo della Religione de’ Servi di Maria Vergine habitatore di questo hospitio, accompagnata da i fratelli della sua compagnia a piedi scalzi alla Chiesa di San Iacopo… e quivi con gran pianto di tutti fra le solennità della Messa si scuopre ai Fedeli, e dopoi con solenne pompa accompagnata da i Reverendi Padri del Convento di San Francesco minori osservanti, e da tutte le Compagnie, e da assaissimi Religiosi, e da tutto il Populo del Borgo con lumi, suoni di campane e di strumenti bellici è portata processionalmente, primieramente alla Chiesa di S. Rocco di Cerreto di sotto, dopoi alla Chiesa di San Giovanni di Cerreto di sopra, dopoi alla Chiesa di S. Francesco, e di li all’Oratorio della Beata Vergine comunemente detta de i Miracoli, e finalmente alla Chiesa di San Iacopo, dove il medesimo Padre sopradetto fece un sermone eloquentissimo, e con grandissime lacrime, e pianti gridando tutti misericordia si cuopre e si restituisce alla sua Chiesa, e così per misericordia di questo Sacratissimo Redentore, non solo la terra del Borgo, ma quelle delle Comunità ancora, le quali furno tutte degne presentialmente intervenire, eti adorare questa Sacratissima effigie salve, e libbre restorno dalla peste, essendo tutti quest’altri intorno da essa travagliati. Per la qual cosa la Comunità del Borgo, per dimostrarsi ricordevole di tanto benefitio, statuì di visitare ogn’anno nel giorno di questa traslattione con solenne Processione questo Santissimo Crocifisso, e renderli perpetue gratie con Sacratissimi sacrifici. Che nostro Signore faccia adempire il tutto”.
La processione annuale, che la “comunità del Borgo” prese solenne impegno di tenere ogni anno, è cessata da circa quarant’anni; finita nel dimenticatoio dei cambiamenti.
Nell’antico documento sopra riportato si parla del “SS. Crocifisso del Borgo di Lucca”, una dicitura che si usava ancora nel XVI e XVII secolo: “Borgo di Lucca” in luogo di “Borgo a Mozzano”.
Scrivendo la storia del convento del Borgo ho trovato altre notizie su quella epidemia di peste che ritengo interessante citare: la peste del 1630/31 non risparmiò la città e la provincia di Lucca. Le autorità provvidero ad istituire ospedali nel suburbio, richiedendo medici e chirurghi anche a Bologna; tra i frati francescani che morirono nel servizio agli appestati sono da ricordare i Padri: Francesco di Cerreto, Giuseppe di Oneta e il fratello laico Ginepro di Cerreto; Lucca che allora contava 24.000 abitanti, ne perse ben 10.000 e 15.000 morirono nel contado.
Anche le  settecentesche “Cronache del Santini” di Cerreto di Sotto parlano della peste del 1630 e testimoniano l’intervento protettivo del SS: Crocifisso. Come si trova scritto nel libro “Cronache di Cerreto di Sotto”, edito dal Comune di Borgo a Mozzano nel 2006, “la strage seguita in Lucca, dal 1630 al 1633, fu calcolata di circa 10.000 persone e queste tre comunità (Borgo, Cerreto di Sotto e Cerreto di Sopra ndr) restarono illese per grazia speciale del Santissimo Crocifisso”. Sempre da dette “Cronache” si apprende che la comunità di Cerreto di Sotto “aveva preso per uso della quarantena la casa in  luogo detto in Morante”.

Di recente, tramite una ricercatrice dell’Università di Udine,  la dottoressa Francesca Meneghetti,  che stava approfondendo una ricerca sui Crocifissi dei Servi di Maria, sono venuto in possesso di alcune pagine della pubblicazione “Chiese e conventi dell’ordine dei Servi di Maria. Quaderni di notizie”, a cura di Fra Ubaldo M. Forconi, n. 6, dove si parla dell’Oratorio del SS. Crocifisso di Borgo a Mozzano, con notizie che non conoscevo. L’autore della pubblicazione scrive che “Al Convento di Lucca, nel 1602, venne offerto ed al medesimo unito l’Oratorio del SS. Crocifisso in Borgo a Mozzano, dove si venera una antica Immagine del SS. Crocifisso che in ogni necessità viene portata in Processione ed esposta alla pubblica venerazione: vi è anche costituita la omonima Confraternita. Da ricordare – continua ancora la pubblicazione – in modo particolare la Processione del 15 dicembre 1630 per impetrare la salvezza dalla peste”.  E’ proprio  la processione di cui parla il documento trovato al convento del Borgo.

fonte gabriele brunini

Share