LA PASTA RICOTTA E NOCI DELLA GARFAGNANA
spesso nell’alta Garfagnana le noci che sono molto piccole e saporite venivano usate per condimento alla pastasciutta, assieme alla ricotta, ci facevano una specie di pesto col basilico o prezzemolo, ma alcuni ci facevano anche l’olio, olio di noci.
Per la pasta si usano 5 uova e farina quanta ne incorporano (di solito intorno ai 500 gr) si impasta bene, si fà riposare una mezz’ora, giusto in tempo di preparare il sugo, poi si spiana e se ne fà delle tagliatelli, dei taglierini, quello che volete.
Si fà bollire un pentolino con acqua, si tuffano le noci per pochi attimi e togliete la pellicina esterna dei gherigli, poi tritate grossolanamente.
Preparate un sugo con burro scaldato e olio in una padella, tenendo il fuoco basso aggiungete della ricotta di pecora, salate e scioglietela anche aiutandovi con del latte se serve, fate una crema, aggiungete le noci e insaporite bene, nel frattempo avrete messo a cuocere i vostri taglierini, scolateli ma lasciateli umidi, mantecateli nella padella delicatamente e servite grattandoci sopra del cacio stagionato (oggi metterete pecorino o parmigiano) e pepe appena macinato.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share