LA MINESTRA DI PATATE

10686663_747935491972366_7348358689968048198_n
stamàn la mì Fedòra m’ha ditto:
o Beppe vammi a cavà du patate nel campo e taglia una fetta di lardo bello erto che pò ti faccio una minestrina che ti lecchi i baffi infin all’orecchi.
n’ho porto le patate, l’ha taglie a pezsettini, ha fatto un battutin col lardo, c’ha misso l’erbuccio tritato, un pizsiotto di sale, un di pepe, uno spicchio d’aglio e un popò di ‘onserva di vella mia fatta co ‘ppomodori dell’orto belli maturi e n’ha dato la via al gasse e l’ha fatta coce.

Pò c’ha levo l’aglio, perché ha ditto che ni ritorna a veglio, n’ha misso un popò nel passin, n’ha dato una girata così ci ritrovi un popò di sugo in più e vando ha comincio a bollì c’ha tiro un popò di pasta a ditalini o avemmarie.
me n’ha levata una scodella, cho misso l’oglio der mio e una macinatina di pepe e siccome mi ci diceva c’insuppavo anco una fetta di pan di Sesto.
O te, ero pien come un lotro, bona bao, doman la vò senti diaccia.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share