la MINESTRA DI FARRO E CECI

vecchia ricetta della Garfagnana molto saporita ed adattissima a tutti i periodi dell’anno, non solo quelli invernali.
Innanzitutto si mettono i ceci a molle per minimo una notte, ma anche di più, ne necessitano circa 50 gr a testa così pure è per il farro, per i ceci però vi consiglio di aumentare le dosi perché poi domani si mangiano anche con il baccala.
Lessiamo i ceci senza salarli (altrimenti la buccia indurisce) in acqua di fonte, nella pentola mettete anche un pezzo di gambetto di prosciutto o una salsiccia o un cotechino che mangerete poi come secondo assieme ai ceci.

Nel frattempo prepariamo in un’altra pentola più capiente un soffritto di lardo o pancetta battura a coltello, aglio e cipolla e rosmarino tritati, fate andare lentamente senza bruciare l’olio aiutandovi ogni tanto con un cucchiaio di brodo dei ceci che stanno lessando.


Passate il soffritto al passatutto, metteteci il farro e fatelo lucidare, passate quasi tutti i ceci nella solita pentola lasciandone un pò da parte, mettete anche il brodo di lessatura dei ceci, salate poco e cuocete sempre mescolando altrimenti si attacca, sempre a fuoco lento.

Dopo una quarantina di minuti il farro è pronto aggiungiamo i ceci interi e aggiustiamo di sale, serviamo, in tavola ci deve essere olio di frantoio e pepe che i commensali se ne serviranno a piacere.

Se nella preparazione aggiungerete una bella patata che naturalmente passerete al passaverdura la vostra minestra risulterà più morbida e vellutata.
fonte ezio lucchesi

Share