La Manovra finanziaria 2022 è legge. Ecco le misure: superbonus (senza limiti), Irpef, pensioni, bollette, mobili, tvdi Massimo Tarabella

Approvata la legge di bilancio. Tra le principali misure contenute nel provvedimento figurano la riforma dell’irpef, un piano per rateizzare le bollette in 10 mesi, la stretta contro le delocalizzazioni selvagge, la proroga di sei mesi per pagare, senza interessi di mora, le cartelle esattoriali notificate dal primo gennaio al 31 marzo 2022.
Saltano anche i vincoli per poter accedere al superbonus e raddoppia il tetto di spesa detraibile del bonus mobili da 5.000 a 10.000 euro, oltre alla proroga al 2023 del bonus idrico e il taglio bonus facciate (che passa dal 90 al 60%). Ma vediamo i principali provvedimenti.

Dal prossimo anno le aliquote dell’irpef scendono da 5 a 4, vengono rimodulate le detrazioni e introdotto, ma solo per il 2022, uno sconto sui contributi previdenziali. Infine, viene tolta l’Irap per le ditte individuali. Le aliquote dell’imposta sulle persone fisiche scendono da cinque a quattro:

23% sui redditi fino a 15 mila euro;
25% sullo scaglione tra 15 mila e 28mila euro;
35% tra 28 mila e 50 mila e


43% sui redditi superiori.

Per rafforzare il risparmio per i ceti medio-bassi è previsto un taglio di 0,8 punti percentuali dei contributi previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti con retribuzione imponibile fino a 35mila euro annui, ma solo per il 2022.

Abolizione dell’Irapl’imposta regionale sulle attività produttive per i lavoratori autonomi esercenti attività come persone fisiche (ditte individuali, liberi professionisti.

Rifinanziato per il 2022 il bonus tv e decoder, inoltre gli over 70 pensionati che hanno diritto al bonus, con un trattamento pensionistico inferiore ai 20.000 euro, potranno ricevere tv e decoder direttamente nella propria abitazione.

Assegno unico familiare Dal primo gennaio 2022 si potrà fare richiesta sul portale Inps e il sostegno rivolto a tutte le famiglie con figli dal settimo mesi di gravidanza a 21 anni arriverà dal mese di marzo. La misura parte da una cifra minima mensile di 50 euro a figlio fino ad un massimo di 175 per Isee fino a 15 mila euro.

Cessa quota 100 e parte dal 2022 Quota 102 si potrà lasciare il lavoro al raggiungimento dei 64 anni di età (tre anni prima del requisito necessario per la pensione di vecchiaia), se si hanno almeno 38 anni di contributi. Questo regime è per il momento previsto solo per il 2022.

Per il caro bollette vi sarà l’azzeramento degli oneri di sistema sia per le utenze elettriche domestiche, sia per le utenze non domestiche, con potenza fino a 16,5 Kw. Inoltre per mitigare gli effetti dell’aumento delle bollette dell’energia vi sarà una riduzione al 5% dell’Iva sulle utenze gas di famiglie e imprese.

Superbonus per tutto  il 2022 per i proprietari di case indipendenti che possibilità di cessione del credito, più un’agevolazione del tutto nuova sulle barriere architettoniche.
Inoltre sempre in ambito Superbonus chi compie lavori interni di casa: le scadenze dei lavori di efficientamento energetico “trainati” all’interno delle singole unità immobiliari sono state allineate a quelle dei lavori trainanti, e quindi ad esempio sarà possibile cambiare gli infissi in una casa ubicata in condominio usufruendo del 110 per cento fino alla fine del 2023, e delle percentuali più ridotte nei due anni successivi.
Proroga anche per il fotovoltaico e l’installazione di colonnine di ricarica auto, con tetti di spesa invariati.

Per gli altri bonus rimangono confermate le scadenze del disegno di legge: proroga nella misura attuale fino al 2024, con l’eccezione del bonus facciate, che durerà solo per il 2022 e con percentuale ridotta al 60%.

Bonus barriere architettoniche prevede per il 2022 un rimborso fiscale del 75 per cento da ripartire in cinque anni con la possibilità di cedere il credito. I tetti di spesa sono gli stessi previsti per il cappotto termico nel superbonus: 50mila euro per le unità immobiliari indipendenti, 40mila per ogni abitazione per i condomìni da 2 a 8 unità immobiliari, 30mila oltre le 9 unità. Sono agevolati gli interventi che rispettano i requisiti del Dm 236/89 (quindi se si installa un ascensore deve permettere l’ingresso di una carrozzina), gli interventi di automazione e anche, se si sostituiscono impianti vecchi, lo smaltimento e la bonifica.

Neomamme: previsti sgravi fiscali per chi assume. Sgravi fiscali anche per l’assunzione di under 36 al Sud e sgravi contributivi al 100% per le Pmi che stipulano contratti di apprendistato di primo livello ad under 25. Mutui agevolati per under 36 e giovani coppie per l’acquisto della prima casa.

Più soldi per la scuola. Cento milioni di euro serviranno per la proroga degli incarichi temporanei del personale Ata della scuola legati all’emergenza Covid. Assegnati poi ulteriori 20 milioni di euro alle scuole dell’infanzia paritarie. Stanziati 120 milioni in tre anni per i servizi di supporto psicologico per combattere le forme di malessere generate dalla pandemia.

Share