LA LITA DI PONTETETTO di Gino Custer de Nobili

Quando ‘lLucchessi sèppin che ‘r nimìo batteva ‘tacchi ‘n velso Pontetetto si missin tutti i un gran subbissìo.

Un ci fu vecchio, un ci fu bamburetto ch’un chiappasse strumenti assottigliati: s’armon, per falla lunga e corta, appiétto.

Tosto ‘he furno ‘osì ben frodati da lustrà come tante fondarie, ir capitan, mi pare un certo Dati,

montò sopra ‘na scranna liccosìe nsulla Piassetta della Pupporona e spipporò un cornocchio di tanìe:

“O gentaccia di Lucca peorona, è l’ora di funilla ( e giù un sarato ) colla gente di Pisa sucidona.

Ir Pisan è in sull’Ozzeri accampato; lo lasseren ( e fistia ‘na ‘ressia ) buà drento le mura dello stato?

andren a scontrallo a messa via ‘or manìpolo ‘n cima a ‘na ‘alocchia? ni faren la marciata d’allegria?

No, Lucca ha ‘r becco giallo e un s’infinocchia! i nnostri petti en fatti di cimento, e la nostra ‘otenna un si spidocchia!

Morte ar Pisan!… Guerieri, eglie ‘r momento di scarduffallo péggio d’un pernecchio! ( Ci abbian der sangue e nun der piscio drento!)

Che ‘r pesso più grosso sii l’urecchio!”

******

Quaesti ‘mproperi, questi paroloni fen propio l’effetton der mortaretto sparato accanto a un bugno di vesponi.

S’invelenittin tutti e : “A Pontetetto!” urlòn corendo alla scappata “guera, morte ar Pisàn crudele e maledetto!”

Ir baccan, ir fottìo a quella maniera, ir pandemonio un ve lo stò a contà! Vi basti dì che rimbombò la tera, e che le polle smissin di buttà: più d’un malato si stirò e moritte, più d’un ugello smisse di ‘antà,

più d’una donna pregna parturitte.

******

Dècchili ‘rivi , bagni ‘ome orsi, cor core ‘n moto e la lombata ‘n bocca, nsulla sistéma dè cavalli borsi.

Ir sole accèa e la ‘ardura schiòcca; ir nimio è li pronto a poghi passi ‘olla spada all”in su.Sotto a chi tocca!

Già…. si discore!… ma chi d’è, ragassi, ch’ha ‘r dissio di ristià, cassa battente, la pella doppo un sacco di strapassi?

Di fronte a quelle sciabole tagliente, i nnostri si felmon.Perchè va diito: i’ llucchesse è foòso ma prudente.

Unni sordato si piantò lì ritto, girando l’occhi , ‘ome ‘pardo ar tondo, e cianciàndo fele,sitto sitto.

Ir cèlo s’attorbò: tremava ‘r mondo!Dù armate alla distansa di vì a lì, in messo ‘r ponte, e sotto lo sprifondo!!

Cose ma’ viste e ma’ sentute dì!

******

Si puntonno ‘osie, un popò in isbrescio, come si puntin sempre ir can e ‘r gatto; con quell’idea di dì: mesci o ti mescio?

Ma un ci fu nimmo ‘he facesse l’atto di danni là. Seguro! a dacci drento, ispetton di parlà prima der fatto:

( perchè a cquè tempi un c’era pugnamento se prima l’un e l’artro ‘umbattente un ci faceva ‘r su ragionamento).

Dècchiti ‘nnansi un grugno a preputente ‘on un ermo a briào a messa succa, e ‘scrama: ” Son di Pisa, o vili gente!”

” E noartri, ‘osin, s’abbian di Lucca!” rispundette un de’ nnostri ” un si si dà noglia a nimmo, però guai a chi ci trucca! Chi avesse ‘n mente di treppià la soglia der nostr’uscio, porcaccia la mi’ ssia, poghi discorsi, ni si fa le ‘uoglia!”

E quie, Gessù ci sarvi eppò Maria, s’accendette una tale letìata da fà vergogna a un ghetto e a un’ostaria.

A unni ‘mprecassiòn isdipanata da ve’ ddi drento, quell’artri di fòra ghignavin e facevin la fistiata.

A’ nnostri ni fumavin l’interiora più d’una scimmia! ” Brutti briganti ” dice un lucchesse” è l’òra o nun è l’òra?”

E bùtto lo stuccin de’ ffurminanti in della ruga, urlò: ” Gente son matto! goccia dircorsi e fatti risurtati: chi lo trucca lo ‘astro!” Un antro tratto di niénte niénte, un antro ‘apellìn e accadeva Dio ‘l sa vale misfatto!

Ma ‘r Signore ci misse lo ssampìn.

******

Dècchiti su ‘na vocia dalla schièra: “Felmi , Lucchessi, un vi ‘omprumettete, un rissiàte ‘r sangue e la bandiera,

che ‘r Pisan, per chiappavvi ndelle rete, ha abbàcco ‘r fosso di ri a giù! In funsion, arièto ‘n velso Lucca, su, corete! “

( Se si discore di dà un cassotton, o di sapè fà ben ir sù ‘ntersso, i’ llucchesse eglie vorpe eppò leon. Ma ‘n casso di battaglia un è l’istesso: per l’astussia der campo e ‘r trabocchetto i’ llucchesse reman un popò lesso)

Così, ‘r Pisan crudele e maledetto, tienendosi lì a bada ‘olla lita, tentava ‘r su diabòlio progetto!

Ma ‘r nostro Vorto Santo e Santa Ssita, che veglin sur di ‘uae e ‘n sur di làe, ci vorsin fà rispiarmo della vita.

I nnostri, al “felma là” , chiappon le bràe, e cori pure giù a rivortoron! (Ar confronto, le lepri erin lumae!).

Unperunfin i vvecchi si scordon vecchiaglia, debolessa, ‘rocce e sciàtie. E così, tutti se la sgabellon…con quarche puntonata ndelle nàtie!

Tratto da “Le poesie di Geppe” di Gino Custer De Nobili/ fonte ezio lucchesi

Share