Cadeva di lunedì il 4 settembre del 1944, quando, nel pomeriggio inoltrato, le truppe della V armata americana entrarono ad Altopascio: la cittadina del Tau era libera.
75 anni dopo l’amministrazione comunale rende omaggio a quel momento con una due-giorni di iniziative, in programma sabato 7 e domenica 8 settembre. “Le strade della memoria”, questo il titolo, che vuole unire la rievocazione storica al ricordo vivo

 

 

 

Programma
Sabato 7 settembre
ore 11 – parco Mura castellane
apertura al pubblico dell’accampamento militare americano (mostra di materiali e automezzi in uso durante la seconda guerra mondiale)
ore 16 – inaugurazione accampamento con i rappresentanti amministrazione comunale e il veterano Ivan J. Houston, reduce americano della divisione Buffalo. Saranno presenti anche i referenti della base militare di Camp Darby di Pisa e il responsabile del Florence American Cemetery and Memorial di Falciani, Firenze.

Domenica 8 settembre
ore 10.15
partenza corteo storico dall’accampamento militare, accompagnato dalla banda di cornamuse; sosta in piazza Gramsci, dove verrà deposta la corona commemorativa al monumento ai caduti.
ore 16 – piazza Ospitalieri
celebrazione della memoria: arrivo dei figuranti storici in piazza e rappresentazione della memoria da parte degli ospiti del Centro diurno anziani L’Aquilone e dei ragazzi del centro di aggregazione e dei rappresentanti del consiglio comunale dei ragazzi. Tutti insieme intoneranno la canzone della libertà, scritta e preparata appositamente per l’occasione, attraverso una vera e propria staffetta tra generazioni.
ore 17 – Sala Granai (piazza Ospitalieri)
incontro pubblico “La guerra in casa e soldati di ogni nazione”.

La manifestazione è organizzata dal Comune di Altopascio in collaborazione con l’Anpi, le associazione Linea Gotica della Lucchesia, Laltrolato del caposaldo – associazione Linea Gotica Pianosinatico, Comitato recupero e valorizzazione Linea Gotica Borgo a Mozzano, Comitato Linea Gotica Brancoli, Comitato Linea Gotica Garfagnana, il Club Balestrero e Esmoter Costruzioni.

Share