‘LA GRANDE SCOMMESSA’ E ‘IL PICCOLO PRINCIPE’ I FILM IN PROGRAMMA

AD ARTE’ SABATO 30 E DOMENICA 31 GENNAIO

Lunedì 1 febbraio nell’ambito delle iniziative per il Giorno della Memoria

sarà proiettato ‘Monsieur Batignole’

Doppia programmazione per il cinema Arté sabato 30 (ore 20 e 22.20) e domenica 31 gennaio (ore 17.45 e 20.15) con i film ‘La grande scommessa’ e ‘Il Piccolo Principe’. Lunedì 1 febbraio alle ore 21, nell’ambito del programma per il Giorno della memoria ‘Io non sono un numero. Lo sguardo dei bambini sulla Shoah’ sarà proiettato il film ‘Monsieur Batignole’.

‘La grande scommessa’ (Usa 2016, 130′) regia di Adam McKay con Brad Pitt e Christian Bale: scommettere contro il sistema e guadagnarci. È quello che ha fatto un piccolo gruppo di speculatori visionari che hanno intuito che cosa stava succedendo sul mercato prima dello scoppio della crisi mondiale nel 2008 e ne hanno approfittato, facendo a volte precipitare gli eventi e uscendone vincenti. La Grande Scommessa è la storia della crisi dal loro punto di vista, quello di personaggi fuori dagli schemi, “eroi” dai caratteri difficili, sconosciuti ai più ma fondamentali per capire che cosa è successo veramente.

‘Il Piccolo Principe’  Animazione. (Francia, 2016, 108)  di Mark Osborne. Un vecchio ed eccentrico aviatore e la sua nuova vicina di casa: una bambina molto matura trasferitasi nel quartiere insieme alla madre. Attraverso le pagine del diario dell’aviatore e i suoi disegni, la bambina scopre come molto tempo prima l’aviatore fosse precipitato in un deserto e avesse incontrato il Piccolo Principe, un enigmatico ragazzino giunto da un altro pianeta. Le esperienze dell’aviatore e il racconto dei viaggi del Piccolo Principe in altri mondi contribuiscono a creare un legame tra l’aviatore e la bambina. Affronteranno insieme una straordinaria avventura, alla fine della quale la bambina avrà imparato ad usare la sua immaginazione e a ritrovare la sua infanzia.

‘Monsieur Batignole’ di  Gérard Jugnot (Francia, 2002, 100′) con Gérard Jugnot,  Jules  Sitruk. Edmond Batignole è un piccolo bottegaio nella Parigi del 1942 occupata dai nazisti. Uomo mediocre, né collaborazionista né perseguitato, approfitta egoisticamente della disgrazia dei vicini – una famiglia di ebrei denunciata alle autorità da suo genero – per occuparne l’appartamento. Quando però Simon, il figlioletto dei vicini fortunosamente scampato alla deportazione, bussa alla sua porta, Edmond si impietosisce e, in modo rocambolesco, aiuta il bimbo a rifugiarsi in Svizzera assieme a due cuginette.

 

Share