Pizza:”E’ un ‘esperienza molto positiva sia dal punto di vista educativo, sia perché

mette in pratica il concetto di ‘scuola aperta’”

SABATO 30 MAGGIO SI SVOLGERA’ LA 1a FESTA DEGLI ‘ORTI IN CONDOTTA’. UNA GRANDE VETRINA DEL PROGETTO CHE HA TRASFORMATO 400 ALUNNI IN PICCOLI AGRICOLTORI

 

 

I valori della terra e della biodiversità, l’importanza di nutrirsi con prodotti buoni, puliti e giusti sono i temi al centro della 1a Festa degli “Orti in Condotta”, in programma sabato 30 maggio a partire dalle ore 10.30 alla scuola secondaria di primo grado “Carlo Piaggia” di Capannori in via del Casalino. Promosso da Comune di Capannori, Slow Food Lucca, Compitese e Orti Lucchesi, Scuola Ti Voglio Bene Comune e i quattro Istituti Comprensivi del territorio, il progetto “Orto in Condotta”, che compie due anni di attività, è riuscito a trasformare in piccoli agricoltori 400 alunni delle scuole dell’infanzia e primarie di Capannori. Negli spazi esterni delle scuole sono nati 16 orti scolastici biologici per far conoscere ai più piccoli i prodotti della terra e la stagionalità, la biodiversità, il rispetto dell’ambiente.

La festa è stata presentata questa mattina con una conferenza stampa svoltasi nella sede del Comune alla quale hanno partecipato la vice sindaco, Lara Pizza, il referente per il Comune di Capannori del progetto ‘Orto in condotta’ Giorgio Dalsasso, il fiduciario di Slow Food Lucca, Compitese e Orti Lucchesi Davide Pieroni, Paola Bosi referente per il settore educazione della Condotta Slow Food, Tina Centoni, dirigente scolastico dell’Istituto ‘Carlo Piaggia’ di Capannori. La festa in programma sabato prossimo (in caso di pioggia si terrà nelle strutture coperte dell’ex Mercato ortofrutticolo di Marlia) sarà una grande vetrina del lavoro svolto dalle scuole su questo progetto con la presenza di stand e la presentazione dei lavori svolti dagli alunni.

L’iniziativa, alla quale interverrà il sindaco Luca Menesini, è aperta a tutti e prevede un momento di confronto sul progetto ‘Orto in Condotta’ a livello nazionale e locale con la partecipazione di Nino Pascale, presidente di Slow Food Italia e Raffaella Grana, presidente di Slow Food Toscana. Sono in programma, inoltre, l’intervento di Massimo Rovai, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università degli Studi di Pisa e la presenza dell’associazione “Aeliante” di Capannori, dei cuochi di Terra Madre Giovanni Lencioni e Alda Bosi e dell’associazione “Rosso e i suoi fratelli”. Parteciperanno alla festa anche anche Beppe Ferrua del Distretto Lucca Biodinamica e alcuni produttori del mercato contadino di Capannori. La mattinata si concluderà intorno alle 13 con un pic nic sull’erba con la zuppa di Slow Beans. Alle 14.30 la festa proseguirà con “Slow Folk” ovvero musica con il gruppo ‘di Terra in Terra’ che suonerà musica di riproposta, tradizionale e popolare, ma soprattutto musica per chi vuole ballare. I balli saranno condotti da Annamaria Viscione.

Nel corso della festa agli alunni che partecipano al progetto saranno consegnati due riconoscimenti: il Diploma di Esperto ortolano e la Patente di Degustatore.

 

 

 

IMG_3696 SFLCOL - ortincondotta_marlia_12foto r.giomi.jpg

 

 

 

Share