Esperti e ricercatori che studiano il comportamento dei gatti non sono ancora sicuri di ciò che consente ai gattini vaganti di percorrere lunghe distanze senza mappe, bussole o altri dispositivi – motivati ​​solo dal loro forte desiderio di rivisitare e riunirsi con i loro proprietari.

Ci sono casi documentati di gatti che hanno viaggiato per  centinaia di miglia per tornare a casa grazie a un meccanismo di navigazione interno che è ancora meglio compreso dalla comunità scientifica.

Nel frattempo, un gattino un po ‘insolito di nome  Jill è stato perso e alla fine ha dovuto viaggiare per diverse miglia a casa sua per ritrovare il suo amato proprietario.

Kitten percorre miglia per tornare al suo proprietario.

Kelly LaVette, che vive nella Carolina del Sud, ha perso il suo gatto Abby 13 anni fa.

Mentre il gatto mancava, la donna si è laureata, si è sposata, ha avuto figli e ha lavorato come insegnante per un decennio. Kelly ha difficoltà a trovare le parole per descrivere quanto fosse felice e sorpresa quando ha ricevuto un messaggio che il suo gatto scomparso era stato finalmente trovato.

Kelly ha adottato Abby solo per un mese prima di fuggire. Fu salvata da un volontario del rifugio che la vide in strada a caccia di cibo. Il volontario, Alison Ferguson, ha chiamato il gattino “Jill”, un nome che è stato anche abbracciato dal suo proprietario originale.

Alison si rese conto che Jill aveva un microchip di identificazione e fu sorpreso di scoprire che l’animale aveva viaggiato in qualche modo a 120 chilometri da casa sua nella Carolina del Sud.

Il volontario è stato in grado di contattare Kelly tramite Facebook e hanno segnato la grande riunione con Jill / Abby.

A Kelly sembrava un miracolo che qualcuno avrebbe trovato il suo gatto dopo così tanti anni. Jill ha impiegato del tempo per adattarsi alla sua nuova casa, ma ora si sente calma e al sicuro.

“All’inizio sembrava timida, ma dopo un paio di giorni ha sicuramente aperto per me. Mi segue dappertutto, dorme accanto a me, mi abbraccia e ovunque vada con me “, ha detto Kelly.

Ti è piaciuta la storia? Condividi questo articolo Questo ci aiuta a diffondere buoni contenuti sui social network. Grazie!

Share