La Digos  ha effettuato una perquisizione  domiciliare a casa di un ragazzo che, sul proprio profilo social, aveva postato una sua foto con un kalashnikov nel soggiorno di casa sua.
La perquisizione volta alla ricerca di armi ha avuto esito positivo, ma per fortuna si trattava solo di una fedele riproduzione giocattolo.
Gli accertamenti sul profilo social del ragazzo di 26 anni sono scaturiti da un video che, qualche sera fa, lui stesso aveva postato nel quale #insultava la #Polizia e lo Stato, per il quale è stato #denunciato per diffamazione, vilipendio della repubblica, delle istituzioni e delle forze armate.

Share