La conclusione del “BOLLETTINO DELLA VITTORIA”, scritto dal Generale Armando Diaz il 4 novembre 1918, è un passo poetico, che nelle scuole si imparava a memoria.
Parlando dell’esercito austriaco in ritirata scrive:
“I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo, risalgono in disordine e senza speranza le valli, che avevano disceso con orgogliosa sicurezza”.

fonte gabriele brunini

Share