Torna a Castelnuovo “sulla scia della cometa”, la  fiaccolata di solidarietà

CASTELNUOVO GARFAGNANA – Domenica torna a Castelnuovo, per la quinta volta; “Sulla Scia della Cometa – Giornata del Fuoco”, un evento organizzato dalle frazioni del Comune del capoluogo che si inserisce nella Saga degli elementi e ha come finalità la Solidarietà.

 

Tutto il ricavato della giornata andrà infatti alla Caritas locale per dare la possibilità, a molte famiglie indigenti del posto, di passare un Natale un po’ più sereno.

– FONTENOITV

Rispetto allo scorso anno ci saranno alcune novità. Prima fra tutte l’orario di inizio fissato alle 11,30 quando, sotto il Loggiato Porta in pieno centro storico a Castelnuovo si aprirà uno stand gastronomico gestito dalle Frazioni che darà la possibilità ai visitatori di assaggiare la famosa pasta fritta (sia vuota che ripiena), il vin brulè ed i derivati della Farina DOP di neccio garfagnina appena immessa sul mercato

come il Castagnaccio ed i necci (con o senza ricotta). Lo stand gastronomico andrà avanti fino a sera (ore 18,00). Il pezzo forte della manifestazione sarà l’attesa fiaccolata della Pace e della Solidarietà che rappresenta anche la seconda novità di giornata visto che varierà il percorso rispetto alle scorse edizioni.

 

La Fiaccolata partirà infatti dal Duomo del capoluogo garfagnino alle 16,30 , subito dopo che Don Angelo avrà inaugurato (ore 16,00) il grande presepe fatto, come ogni anno, nel Duomo dei Santi Pietro e Paolo e realizzato da un gruppo di appassionati che si fanno chiamare gli “amici del Presepe”.

 

La scia luminosa rappresentata dal corteo con le torce si snoderà per le vie del Centro Storico della città passando dal Ponte della Madonna, Sant’Antonio, Santa Lucia per salire fino al Convento dei Cappuccini dove , i ragazzi del Catechismo di Castelnuovo , allestiranno una Sacra Natività vivente. Tutti i presenti, come fecero i pastori nella grotta di Betlemme, potranno lasciare un dono in pacco alimentare o in denaro alla Natività, tutto il ricavato ,insieme alla vendita delle fiaccole e dello stand gastronomico, andrà, come detto, alla Caritas locale.

Share