La 50° edizione è in programma a Verona dal 10 al 13 aprile

Più di 50 le aziende del Chianti presenti a Vinitaly

Per la prima volta nella manifestazione un bancone istituzionale dedicato interamente al Vin Santo

image

Firenze, 8 aprile 201655 produttori presenti, oltre 380 etichette e uno spazio di allestimento di oltre 300 metri quadrati. Sono i numeri con cui il Consorzio del Vino Chianti si presenta alla 50° edizione del Vinitaly in programma a Verona dal 10 al 13 aprile.

Fra le novità dell’edizione 2016 quest’anno per la prima volta si è scelto di dedicare un bancone istituzionale esclusivamente al Vin Santo, primo ed unico esempio in tutta la fiera. Pioniere dell’iniziativa, il Consorzio Vino Chianti, che con 50 aziende aderenti e 55 etichette in degustazione, punta i riflettori su un prodotto storico legato alla tradizione del Chianti.

In degustazione sarà possibile trovare Vin Santo del Chianti d.o.c., Vin Santo del Chianti d.o.c. Riserva, e infine, il più raro Vin Santo del Chianti d.o.c. “Occhio di Pernice”. Il Consorzio del Vino Chianti si trova nel Padiglione 9 – C11 e C12.

Dichiara Giovanni Busi, Presidente del Consorzio Vino Chianti: “E’ con grande soddisfazione che affrontiamo questa cinquantesima edizione di Vinitaly: siamo oltre 50 aziende e ciò testimonia sempre più partecipazione da parte delle nostre aziende che ci seguono nelle nostre iniziative, sia in Italia che all’estero”.

Della stessa idea, Marina Malenchini, Presidente del Consorzio Chianti Colli Fiorentini: “Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini grazie ai suoi vignaioli contribuisce al valore distintivo del Chianti. Le peculiarità dei diversi terroir e delle diverse sottozone, sono determinanti per l’identità della Denominazione stessa.”

Sottolinea Federico Giuntini, Presidente del Consorzio Chianti Rufina: “Abbiamo sempre sostenuto l’importanza di dover trasmettere all’esterno una immagine di compattezza del “Mondo Chianti”. In questa ottica, l’edizione 2016 del Vinitaly ci offre l’occasione di dare un’immagine incisiva e dinamica della nostra realtà produttiva e del nostro territorio, in sinergia con le altre Denominazioni del Chianti e ottimizzando al meglio tutte le risorse disponibili. Crediamo fortemente che questa sia la via da seguire per tutti nell’immediato futuro”.

“Siamo molto felici di prendere parte a questa 50esima edizione del Vinitaly con uno spazio rinnovato e unico come quello che ci unirà per quest’anno: un’area Chianti fatta da identità ben definite e territori molto particolari, ma uniti da finalità e energie comuni, il cui risultato non potrà che essere quello di una maggiore coesione e visibilità su un mercato sempre più esigente e difficile” – afferma Cino Cinughi de Pazzi, Presidente del Consorzio Chianti Colli Senesi.

Share