sindaco con Rick Anthony         Il sindaco Luca Menesini ha incontrato nella sede comunale la delegazione americana della strategia Rifiuti Zero capitanata da Paul Connett, il massimo divulgatore dello Zero Waste, in visita a Capannori per una full immersion nelle buone pratiche del territorio, nell’ambito di un tour ambientalista in Italia che ha toccato alcune delle città simbolo di questo vincente modello di gestione dei rifiuti. Capannori, culla dei rifiuti zero in Italia, era quindi tappa obbligata per il team americano di cui fa parte anche il capitano Charles Moore, lo scopritore nel 1997 del ‘continente di plastica’ dell’Oceano Pacifico, per la prima volta in Italia, insieme a Rick Anthony, presidente della Zero Waste International Alliance, Ruth Abbe, presidente di Zero Waste USA e Tom Wright esperto di sistemi di imballaggio. Il team è stato coadiuvato da Rossano Ercolini, Environment Goldman Prize 2013 e presidente di Zero Waste Europe, Enzo Favoino coordinatore scientifico della stessa organizzazione e Joan Marc Simon direttore esecutivo di ZW Europ.L’incontro con il primo cittadino, al quale era presente anche l’assessore all’ambiente Matteo Francesconi è stato l’occasione per un confronto sulle tematiche ambientali e sulle buone pratiche messe in atto dall’amministrazione comunale con la strategia rifiuti zero. Il tour italiano della squadra di ambientalisti americani,   promosso da Zero Waste Italy, Centro di Ricerca Rifiuti Zero del Comune di Capannori e l’associazione ‘Ambiente e Futuro’ si concluderà questa sera con l’iniziativa intitolata “L’onda di rifiuti zero, contro gli oceani di plastica” in programma alle ore 21.00 all’Auditorium dell’azienda Usl 2 a Capannori in piazza Aldo Moro, che vedrà tra i relatori il capitano Charles Moore, fondatore dell’Algalita Marine Research Foundation e autore del libro “L’Oceano di Plastica” pubblicato da Feltrinelli.

Domani, sabato, la delegazione   accompagnata dall’assessore all’ambiente Matteo Francesconi partirà per Davos (Svizzera) per partecipare agli incontri preliminari del ‘World Resources Forum’ e incontrare alcuni funzionari Onu interessati alla strategia Rifiuti Zero.

 

Share