21077639_1376343192464923_953627210897264286_n

INTRUGLIA ricetta tipica della Versilia

si mettono a molle in acqua i fagioli scritti o rossi per 12 ore, si lessano in abbondante acqua con salvia e aglio e senza sale, la pentola deve borbottare, una cottura molto tenue a fuoco basso.
Quando sono cotti ne passeremo metà, rimettendo poi tutto nell’acqua di cottura e la metà di fagioli interi li terremo da parte.
Fate un abbondante trito di salvia, aglio, sedano, carota, cipolla, prezzemolo, soffriggete con delicatezza, aggiungete poi un pò di salsa di pomodoro diluita in acqua, versate lo sfritto nella pentola dei fagioli passati, salate e pepate, quando il brodo bolleaggiungete la braschetta (cavolo nero) tagliato finemente e privato della costola centrale, che è buona ma ha una cottura molto lunga, se volete potete aggiungere anche una patata a dadini ma è facoltativo.
Mescolate sempre per non far attaccare i fagioli passati per una mezz’ora, aggiungete i fagioli interi, aggiungere della farina gialla setacciata, cuocete ancora per una mezz’ora, l’intruglia deve essere come una crema molto morbida, l’evaporazione e la cottura la farà addensare e ricordate che si mangia al cucchiaio.
Si serve portando in tavola olio buono da mettere nel piatto e pepe da macinare al momento.
In Versilia ma anche in tutta la provincia ne viene fatta una quantità superiore al fabbisogno che rovesciata in un recipiente il giorno seguente quando sarà ben rassodata viene tagliata a fette e fritta fin quando avrà una superficie croccante.
ricetta di ezio lucchesi

Share