L’appuntamento è per mercoledì 4 luglio alle 18:30

 

INSTORE – PADRE E FIGLIO UNITI DAL RAP: ARRIVANO ALLO SKY STONE DUKE MONTANA E SICK LUKEDuke Montana e Sick Luke_Immagine autorizzata

 

Può il rap essere ‘ereditario’? Sembra proprio di sì, visto che Duke Montana ha trasmesso la sua passione per il rap e l’hip hop al figlio, Sick Luke, al punto tale da lavorare assieme. Padre e figlio uniti dalla passione per la stessa musica. E, adesso, all’uscita del loro nuovo album ‘Grind Musik 4’, Duke Montana e Sick Luke arrivano a Lucca, allo Sky Stone & Songs, mercoledì 4 luglio, alle 18:30, quando incontreranno il loro pubblico in piazza Napoleone.

 

Duke Montana – al secolo Duccio Barker – classe ’75, è cresciuto con la musica rap americana, cresciuto tra l’Italia, l’Inghilterra e l’America, con una madre italiana e un padre americano.  E’ entrato nella scena italiana, partendo dalla Roma dei sobborghi e, nel 2000, a 25 anni si fa conoscere con lo pseudonimo di Duke Montana. Dopo circa 10 anni di collaborazione, lascia il collettivo hip hop Truceklan e torna alla musica da solista con ‘Stay Gold’, suo terzo disco da solista, che vede la collaborazione di nomi importanti come Club Dogo, Fabri Fibra, Emis Killa e Entics, per citarne alcuni. Viene annoverato tra i migliori autori di ‘street rap’, che parlano di situazioni degradate, di lotte tra gang, di violenza, ma anche di onore. In questo contesto si è perfettamente inserito il giovanissimo figlio, Sick Luke – vero nome, Luca Barker, nato nel 1994 –, che diventa in breve un produttore di spicco e collabora, oltre che con il padre, con molti nomi importanti della scena hip hop italiana.

La collaborazione tra Duke Montana e Sick Luke cresce canzone dopo canzone e, per stessa ammissione dei protagonisti, l’intesa sul palco, proprio grazie alla conoscenza e alla sintonia tra i due, raggiunge la perfezione, dando vita a live fluidi e sempre di alta qualità.

Adesso tornano sul mercato discografico con questo nuovo lavoro, che si preannuncia molto interessante, anche se lontano dalle correnti di moda come la trap.

 

Share