Insieme per Altopascio “ La polizia municipale di Altopascio modello di contrasto alla criminalità”
Non bastando i già noti gufi, ecco che la campagna elettorale di Altopascio si arricchisce dei dotti interventi di Ilaria Quilici, sedicente commissario di una Lega Toscana che nasce in antagonismo alla Lega autentica e che cerca di screditare ogni ambito in cui è presente questo movimento politico.
Ilaria Quilici dimostra di non conoscere minimamente la realtà altopascese, sopratutto di non aver letto o avere ascoltato quanto successo in questi ultimi mesi. Scrive, ricalcando quanto da anni scrivono altri personaggi che fanno da sempre politica contro qualcuno piuttosto che per i cittadini o portando avanti un proprio progetto politico-amministrativo, e per questo diventa elemento negativo di una situazione già difficile.
Quilici cavalca una facile tigre, quella della sicurezza, che è davvero un problema nazionale e internazionale, ma che non si risolve con le parole, specialmente quelle ormai consunte di una campagna elettorale lunga che cerca di fare facile presa sui disattenti.
Quilici arriva a criticare polizia muncipale di Altopascio, che è assurta alla cronaca almeno locale in molte circostanze per brillantissime operazioni di contrasto al crimine e dicendo che gli agenti stanno in uffcio oppure sono concentrati sulle multe, non arrivando nemmeno vicino alla verità.
Forse Iliaria Quilici si sbaglia con il suo comune di residenza e per questo la invitiamo a occuparsi di quello, che sotto questo profilo presenta molte più problematiche, compresa quella relativa alla presenza di un numero cospicuo di migranti, veri o presunti profughi compresi.
Ad Altopascio di chi fa disinformazione, ne abbiamo già abbastanza.
Insieme per Altopascio

Share