Infrastrutture, mozione di Stefano Baccelli: “Sollecitare recupero risorse per Pistoia-Lucca e completamento grandi opere”


Il presidente commissione Ambiente e territorio impegna la Giunta a attivarsi col Governo dopo il definanziamento del raddoppio ferroviario, su questo e su tutti i nodi infrastrutturali toscani

Recuperare le risorse attualmente tagliate per il raddoppio della linea ferroviaria Pistoia – Lucca, garantire la massima trasparenza rispetto al processo di analisi costi- benefici delle grandi opere introdotto dal Ministero delle Infrastrutture, confermare il sostegno alla realizzazione delle opere infrastrutturali e per la mobilità prioritarie per la Toscana. Attivarsi con il Governo per raggiungere questi obiettivi: è ciò che chiede alla Giunta regionale il consigliere Pd e presidente commissione Trasporti e infrastrutture a Palazzo del Pegaso Stefano Baccelli con la mozione titolata proprio in merito alle decisioni del Governo rispetto al taglio dei finanziamenti al raddoppio ferroviario Pistoia – Lucca, ed in generale in merito alla realizzazione delle infrastrutture strategiche per la mobilità della Toscana.

 

 

“La manovra di bilancio elaborata dal Governo presenta un taglio di 5 milioni rispetto al completamento del raddoppio della ferrovia Pistoia – Lucca, un’infrastruttura considerata da tempo strategica per la mobilità regionale. – spiega Baccelli  – L’opera, sebbene sia di competenza statale e sotto la gestione diretta di Rete Ferroviaria Italiana, proprio per la sua strategicità prevede un cofinanziamento di circa il 60% dei costi di realizzazione da parte della stessa Regione, che ha messo a disposizione, sulla base degli accordi già chiusi da anni, 250 milioni di risorse proprie, stanziamento confermato dall’ultima variazione di bilancio. Al momento, il primo lotto Montecatini Pistoia è in avanzata fase di realizzazione, mentre per quanto riguarda il secondo lotto, Lucca-Pescia, il progetto definitivo risulta aver superato la verifica di non assoggettabilità a Via, mentre la stessa RFI sta recependo le osservazioni presentate dal Comuni in modo da poter partire con la gara quanto prima.

 

Il dato ancor più drammatico e pericoloso è che non si tratta solo della Pistoia – Lucca ma di un generale disinteresse, quasi punitivo, da parte del Governo nazionale nei confronti delle infrastrutture toscane, perlopiù opere attese da tempo, oggetto di una lunga progettualità e determinanti per lo sviluppo del territorio. Basti pensare alla messa in discussione del potenziamento dell’aeroporto di Firenze e della realizzazione del sottoattraversamento ferroviario di Firenze. Definanziare il raddoppio ferroviario Pistoia – Lucca per 5 milioni di euro può comportare un ritardo sul procedere dei lavori già finanziati dal precedente Governo, necessari e urgenti per potenziare i collegamenti tra la Versilia, Lucca, Pistoia e la Piana Fiorentina. Ambigua poi risulta la nomina, all’interno della Struttura tecnica di missione del Ministero, di una serie di figure, a totale discrezione del Ministro stesso, atte a svolgere una presunta analisi costi-benefici delle grandi opere programmate in tutto il Paese che al momento però appare guidata esclusivamente da obiettivi politici di ridimensionamento infrastrutturale”.

 

 

“La Regione deve continuare a sostenere in tutte le sedi la realizzazione delle infrastrutture necessarie per lo sviluppo sociale ed economico della Toscana. – conclude Baccelli – La priorità è che non vengano meno gli impegni già presi dal precedente Governo con gli enti interessati sulle grandi opere già finanziate e progettate, dal completamento del nodo AV di Firenze, alle terze corsie autostradali, il completamento e l’estensione del sistema tramviario nella piana fiorentina, la qualificazione dell’aeroporto di Firenze all’interno del sistema aeroportuale toscano, il finanziamento del secondo lotto degli assi viari di Lucca, gli investimenti che riguardano il porto di Livorno, gli investimenti sulle linee ferroviaria della Toscana, a partire da quelli già avviati sulla Siena-Empoli e il raddoppio della Pistoia – Lucca. Attivarsi con il Governo per richiedere di recuperare le risorse attualmente sottratte al raddoppio ferroviario, di procedere speditamente e quindi concludere nel più breve tempo possibile le altre infrastrutture già in fase di avanzamento, di chiarire, infine, le intenzioni sul completamento delle opere per la mobilità da tempo programmate: questi gli obiettivi su cui impegno la Giunta”.

Share