“InfoPoint Digitale” in Municipio, dalla compilazione delle domande per i buoni alimentari al supporto per usufruire dei servizi digitali

Il nuovo servizio è stato creato per accompagnare i cittadini meno digitali.

 

Un nuovo servizio per i cittadini che hanno difficoltà nell’accedere ai sempre più numerosi servizi digitali del Comune di Pietrasanta come la domande per i buoni alimentari o il rilascio dell’identità digitale (Spid). Il Comune di Pietrasanta è tra i primi dotarsi di un vero e proprio “InfoPoint Digitale” per supportare gratuitamente, e su appuntamento, i cittadini nell’espletamento digitale di domande e pratiche. Il servizio sarà curato dai volontari del servizio civile regionale nell’ambito del progetto “Digital Youth Work”.

Lo sportello sarà attivo a partire da lunedì 15 novembre dalle ore 9.30 alle ore 12.30 al piano piano del Municipio presso l’Urp – Uffici Relazioni con il Pubblico. Il numero da contattare è lo 0584.795232 oppure via mail a serviziocivileregionale@comune.pietrasanta.lu.it e spid@comune.pietrasanta.lu.it

 

Saranno tre, inizialmente, i servizi digitali a disposizione: le domande per i buoni alimentari in scadenza il 30 novembre, la richiesta delle credenziali Spid e l’appuntamento per la carta d’identità digitale. I servizi saranno progressivamente ampliati nel corso dell’anno.

 

“Il processo di digitalizzazione dei servizi dei servizi erogati dall’ente sta procedendo come da programma – spiega il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – ma crediamo che debba anche essere accompagnato da un percorso di tutoraggio per tutti quei cittadini, penso agli anziani o a coloro che hanno scarsa dimestichezza con moduli online e password, che altrimenti rischierebbero di essere penalizzati. Così non deve essere e non sarà.

 

Due volontari del servizio civile regionale supporteranno, nel rispetto della privacy, tutti coloro che ne avranno bisogno. E’ un servizio che siamo sicuri sarà molto importante ed apprezzato. Il futuro dei servizi è sicuramente digitale e sempre a portata ma ci troviamo di fronte anche ad una fase di transizione che deve essere guidata con sensibilità e comprensione”.

Share