Incentivi per sicurezza sul lavoro, in Toscana due bandi per le imprese

Sportello aperto il 2 settembre e incentivi fino a esaurimento fondi. Info su finanzaagevolata@conflavoro.lu.it

Buone notizie per le imprese del territorio in materia di incentivi e sicurezza sul lavoro. La Regione Toscana, infatti, ha pubblicato due nuovi bandi finalizzati proprio al miglioramento della salute e sicurezza dei lavoratori.

Le misure prevedono finanziamenti a tasso zero e sono dedicati a varie tipologie di settori e interventi. Tra questi, sono previsti incentivi a sostegno agli investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili. Il tutto volto, appunto, a incrementare il livello di prevenzione sui luoghi di lavoro. Tutte le info su finanzaagevolata@conflavoro.lu.it.

https://www.conflavoro.lu.it/2019/09/02/incentivi-sicurezza-lavoro-toscana-due-bandi-imprese/?fbclid=IwAR2q78kOJBJSrsYkX34tUxQvNrU1XrU6MO5wejyAx6QqswcQ4uY0xabii4o
I bandi e chi può parteciparvi

Il primo avviso per gli incentivi è denominato ‘Bando per la concessione di prestiti per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori delle attività di logistica delle imprese toscane“.

Gli incentivi sono destinati alle micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata (minimo 3 imprese). Le imprese devono essere attive da almeno due anni nella regione Toscana.
I settori di riferimento sono:

Manifatturiero;

Commercio;

Trasporto;

Alloggio;

Ristorazione e servizi.

 

La durata del finanziamento è di 7 anni (18 mesi di pre-ammortamento) e dovrà essere rimborsato in rate semestrali posticipate costanti.
Il pre-ammortamento tecnico è previsto per un massimo di 3 mesi.

Il secondo è il ‘Bando per la concessione di prestiti per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori delle imprese che svolgono la propria attività nei cantieri edili e navali siti in Toscana’.

Anche questo bando prevede incentivi e agevolazioni destinati a micro, piccole e medie imprese. Esse possono essere in forma singola o associata (minimo 3 imprese) e costituite da almeno due anni. Le imprese devono avere sede legale o unità locale in Toscana. Le attività interessate sono le seguenti:

Cantieri navali per costruzioni metalliche e non metalliche;

Costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive;

Riparazione e manutenzione di navi commerciali e imbarcazioni da diporto (esclusi i loro motori);

Installazione di macchine ed apparecchiature industriali;

Costruzioni;

Cantieri di demolizione navali;

Noleggio di macchine e attrezzature per lavori edili e di genio civile.

 

La durata del finanziamento è di 7 anni, da rimborsare in rate semestrali posticipate costanti.

Per questo bando, la domanda di finanziamento deve essere presentata successivamente alla data di accettazione del PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento) relativo al cantiere di riferimento.

Gli investimenti ammissibili e la scadenza

Per entrambi i bandi, i progetti che possono beneficiare degli incentivi per la sicurezza sul lavoro riguardano investimenti compresi tra i 40 mila e i 200 mila euro in:

Impianti, macchinari e attrezzature;

Opere murarie e assimilate (nel limite massimo del 20% dei costi e solo se correlate agli investimenti materiali relativi al progetto);

Brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

Lo sportello per la presentazione delle rispettive domande di contributo è stato avviato il 2 settembre 2019 e resterà aperto fino a esaurimento fondi.

 

+++ Trovi più info su questi e altri bandi adatti alla tua impresa su finanzaagevolata@conflavoro.lu.it.

Share