La mostra si inserisce in un circuito più ampio di manifestazioni a livello provinciale

I

naugurata a Gallicano, presso la Sala Guazzelli, la mostra fotografica I due volti della Grande Guerra. Organizzata dall’Istituto Storico Lucchese, la mostra si pone l’obiettivo di fissare nella mente e nella memoria momenti di vita che sarebbero andati persi, inserendosi in un circuito più ampio di manifestazioni a livello provinciale che vedono impegnate anche le altre sezioni territoriali.

1

L’esposizione è articolata in diverse sezioni tematiche e prende in considerazione molti aspetti della vita durante la Guerra. Uomini e donne in modo diverso protagonisti del triennio bellico, al fronte, nelle trincee, e nelle fabbriche locali. E quindi i due volti della guerra.

2

L’Istituto Storico Lucchese ha dedicato la mostra alle donne che hanno trovato al loro interno molta forza, rimanendo sul territorio per poter tirare avanti. La mostra è divisa in sette sezioni tematiche e riporta fotografie e documenti ; al suo interno una sezione aperta in divenire pronta ad accogliere chiunque voglia portare foto o documenti.

3

E’ intenzione della Sezione di Gallicano dell’Istituto Storico di realizzare una pubblicazione per fissare per sempre il lavoro presentato nella mostra. Presenti all’ inaugurazione la Schola Cantorum Don Carmine di Bolognana che ha eseguito dei brani della Prima Guerra Mondiale. Nicola Soldani ha dato voce ad un diario di guerra rinvenuto nella ricerca, dove si racconta l’ affondamento del piroscafo Verona, silurato presso lo stretto di Messina con a bordo disertori. Bruno Giannoni ha presentato il libro La Grande Guerra attraverso le istantanee del Tenente Weiss. Il gruppo Alpini ha eseguito l’onore ai caduti.

5
simone

 6

Share