In Toscana, buono lo stato delle aree boschive

 

di Claudio Vastano

 

E’ stato recentemente pubblicato il primo Rapporto sullo Stato delle Foreste e del Settore Forestale in Italia, redatto dal ministero per le Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo.

Complessivamente, nel nostro Paese vi sono 9 milioni di ettari di foreste e quasi altri due milioni di ettari di terre adibite a bosco (macchie, arbusteti e boscaglie). In alcune regioni il tasso di superficie boschivo è piuttosto bassa, mentre in almeno cinque di esse (Trentino Alto-Adige, Umbria, Liguria, Sardegna e Toscana) esse coprono il 50% del territorio.

A ciò va anche aggiunto che nell’ultimo secolo, la superficie forestale è andata aumentando costantemente; ad esempio, dal 1985 al 2005, essa ha subito un incremento dello 0,3% annuo, mentre dal 2005 al 2015 lo sviluppo è stato dello 0,2% annuo.

Il ministro Gian Marco Centinaio ha dichiarato che “i nostri boschi hanno per il Paese un ruolo strategico. Negli ultimi decenni la società italiana ha perso di vista questo immenso polmone verde che ricopre circa il 40% del territorio nazionale, e il suo immenso patrimonio biologico e culturale.”

Possiamo anche aggiungere che le aree boschive italiane, non solo sottraggono all’atmosfera qualcosa come 45 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno, ma danno lavoro a oltre 100 mila persone, grazie a lavori in bosco e selvicoltura.

Share