Unknown-3

C

on il primo incontro che si è svolto lo scorso 26 febbraio a Palazzo Ducale, ha preso il via il ciclo “Educare alle differenze 2015”, il percorso centrato sulle tematiche delle pari opportunità, del rispetto e della valorizzazione della diversità che torna dopo il successo della scorsa edizione.

Il progetto, organizzato dalla Provincia di Lucca in collaborazione con l’Università di Pisa, i Centri Antiviolenza, l’Associazione Luna, il Codice Rosa delle ASL 2 Lucca e ASL 12 Versilia, e i Consultori zonali, la Casa delle Donne di Viareggio si compone di due filoni e prevede, da un lato, una serie di incontri dedicati alla formazione degli insegnanti e dall’altro attività specifiche indirizzate ai ragazzi a seconda del livello di istruzione: si va dalla scuola dell’infanzia agli istituti superiori, passando per la scuola primaria e la scuola media, abbracciando così tutto l’arco scolastico con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi e promuovere in loro una cultura della diversità e del rispetto delle differenze.

Il primo degli incontri per gli insegnanti è stato curato da docenti dell’Università di Pisa ed ha riguardato le tematiche dell’identità di genere, con particolare attenzione al modello educativo, nella logica della differenza e del contrasto agli stereotipi e del rispetto fra i generi.

I successivi incontri di formazione saranno organizzati, invece, a livello zonale: per la Piana di Lucca e la Valle del Serchio l’appuntamento è fissato per martedì 3 marzo alle ore 15, sempre a Palazzo Ducale, in sala Maria Luisa, mentre sono ancora da definire data e luogo dell’incontro per la Versilia.

La seconda parte del progetto, invece, è dedicata agli studenti: saranno proposte attività specifiche per i diversi livelli di scuola, tutte sul tema della diversità e del rispetto e della valorizzazione delle differenze. Più nel dettaglio saranno organizzati incontri in classe con gli studenti degli istituti superiori a cura dell’Università di Pisa, dei Centri Antiviolenza, del Codice Rosa, dei consultori zonali. Sono in programma, inoltre, undici laboratori creativi in collaborazione con Lucca Comics, nei quali gli studenti potranno cimentarsi (a partire da marzo) nella “costruzione” di un cortometraggio o di una storia a fumetti, supportati da esperti, sul tema degli stereotipi.

Per gli alunni della scuola dell’infanzia e del primo ciclo della scuola primaria saranno, invece, organizzati laboratori di animazione alla lettura tenuti da un esperto sul tema delle differenze e del rispetto delle specificità, mentre per il secondo ciclo della scuola elementare e le classi scuola secondaria di primo grado (medie inferiori) saranno attivati laboratori di teatro.

Share