CAPANNORI: IN DIRITTURA D’ARRIVO I LAVORI PER L’ESTENSIONE DELLA  NUOVA FOGNATURA A MASSA MACINAIA. PROGETTO DA 1,9 MILIONI DI EURO

Conclusi i lavori nelle vie Sottomonte e della Chiesa, ultime attività nelle aree private e in via di Ponte Maggiore. Nel 2021 migliorerà il “secondo tempo” del servizio idrico.

Dai primi mesi del prossimo anno, una consistente parte della frazione di Massa Macinaia, nel comune di Capannori, potrà contare su una nuova rete fognaria. Il maxi-intervento di Acque SpA, che interessa in modo diretto oltre 400 abitanti e che nel suo complesso avrà benefici ambientali ancora maggiori, è infatti in dirittura d’arrivo. L’obiettivo del gestore idrico del Basso Valdarno e della Piana Lucchese è quello di chiudere le ultime lavorazioni ancora in atto entro la fine del 2020, per poi dedicarsi alle fasi di collaudo, prima di attivare la nuova infrastruttura. Da quel momento, tutti i reflui verranno convogliati verso il sistema di depurazione civile, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario e migliorando quindi l’impatto del servizio idrico integrato sull’intero ambiente circostante.

L’estensione della rete fognaria a Massa Macinaia è un’opera molto importante perchè presto consentirà a numerose famiglie di questa frazione di poter usufruire di un servizio essenziale come quello delle fognature – afferma l’assessore ai lavori pubblici, Davide Del Carlo -. Un’opera consistente e attesa dai cittadini che sarà terminata a breve e che porterà benefici anche da un punto di vista ambientale. Riteniamo fondamentale dotare di servizi essenziali come acquedotto, metano e fognature le aree del territorio che ne sono ancora sprovviste e l’estensione della rete fognaria di Massa Macinaia è uno tra gli interventi più significativi in questo settore” .

“L’insieme di questi interventi – sottolinea il consigliere d’amministrazione, Antonio Bertolucci – doterà finalmente un’intera zona di un servizio fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e per la qualità della vita dei residenti. Si tratta di un investimento economico ragguardevole, che ammoderna e valorizza la dotazione infrastrutturale del comune e dunque dei cittadini. In un contesto reso molto complesso dalla crisi sanitaria ed economica innescata dal Coronavirus – conclude Bertolucci – ritengo che sia da apprezzare l’impegno che amministrazione comunale di Capannori e gestore insieme stanno mettendo nel garantire e nello sviluppare un servizio pubblico strategico come quello idrico”.

Il progetto (che ha coinvolto Comune di Capannori, Provincia di Lucca, Genio Civile e Soprintendenza dei Beni Culturali) ha un valore complessivo di 1,9 milioni di euro, ed è stato suddiviso in tre parti. Nei giorni scorsi si sono conclusi i lavori del terzo e ultimo lotto, che ha portato alla realizzazione di 1.000 metri di nuova fognatura tra via Sottomonte e via della Chiesa dopo che, con il primo lotto, era già stato posato circa un chilometro di condotte. Oltre all’estensione della rete fognaria, in via Sottomonte è stato ammodernato anche un tratto di acquedotto: la precedente e unica tubazione è stata sostituita con due condotte in ghisa sferoidale (della lunghezza di 420 metri ciascuna), grazie alle quali è stato separato il sistema di adduzione da quello di distribuzione, ottimizzando il funzionamento della rete e migliorando il servizio idrico.

La posa in opera delle nuove condotte fognarie si completerà con le ultime attività in alcune aree private. Traguardo vicino anche in via di Ponte Maggiore, dove si sta mettendo a punto la nuova stazione di sollevamento fognario, per la quale mancano soltanto l’impianto elettrico e i test di funzionamento. Entrambi i lavori, meteo permettendo, si chiuderanno come detto entro la fine dell’anno. Successivamente, le utenze potranno collegarsi alla rete fognaria, poiché l’infrastruttura sarà già dotata di predisposizione all’allaccio.

--

 

Share