noodles-761430_1920

La pasta con le sarde è un piatto tipico della cucina siciliana, che viene preparato in particolar modo da marzo a settembre, il periodo in cui si trovano con più facilità le sarde fresche.  Ne esistono molte varianti: con il finocchietto, con il pangrattato, con l’uva passa, altre dalla preparazione più facile e veloce. Insomma, è un che negli anni è stato importato in tutta la penisola e soprattutto che non passa mai di moda.

Pulire le sarde eliminando la testa e la spina centrale. Lavarle accuratamente e asciugarle. Preparare un trito con erbe aromatiche, aglio, sale e pepe. Distribuire un po’ del trito su ogni sarda, arrotolandola e chiudendola con uno stecchino.

In una padella adagiare un  po’ di olio e mezzo spicchio d’aglio, un soffritto di cipollotto, alici e  peperoncino, rosolare delicatamente a fuoco basso il contenuto del trito  e unirvi i pomodori tagliati a cubetti, i capperi e le olive nere. Cuocere il sughetto creato per alcuni minuti, aggiustandolo con sale  e pepe. Versare un po’ di vino bianco e lasciarlo evaporare per qualche secondo. Eliminare  lo stecchino dalle sarde, senza preoccuparsi di disfare il pesce. Sbollentare la pasta, lasciandola al dente, successivamente condirla con il sugo di sarde e spolverare con abbondante prezzemolo tritato.

E’ consigliabile abbinare un vino bianco siciliano.

Share