Il team “Lucca Sky Walkers #ilprogetto” non è solo una realtà sportiva che fa parte del mondo del basket, ma anche un sodalizio che realizza iniziative volte al sociale.

La sua storia inizia nell’anno 2015 quando a Lucca specialmente all’interno dellea città, si cominciò a sentir parlare di un gruppo di ragazzi, amanti della pallacanestro, che avevano deciso di costituire una nuova società per continuare a giocare e soprattutto divertirsi. Naturalmente per quegli appassionati, non è stato tutto facile infatti, perché oltre a quello di fare il giocatore hanno dovuto ricoprire tutti gli altri ruoli che necessitano alla stessa associazione e quindi di fare il presidente, l’allenatore, il preparatore e tutte le altre cariche del caso.

 

 

 

Ma l’entusiasmo ha fatto sì che ogni difficoltà, affrontata con il sorriso e forse con un po’ d’incoscienza, desse vita a questo progetto, e cosi sono nati gli Sky Walkers, i quali da subito si sono resi conto delle semplici, ma innovative, iniziative che si cominciavano a vedere nel mondo baskettaro. Uno dei primi momenti di questa innovazione è stata l’iniziativa da parte di alcuni di questi giocatori travestiti da “panda”, seguiti da altri in completo da gara, che hanno percorso le vie del centro storico e tratti delle mura di Lucca, un fatto che ha richiamato l’attenzione di molte persone che poi si sono accodate e questo divertente corteo.

 

 

Da quella passerella la società ha creato altri eventi molto particolari, per esempio come non ricordare il Memorial Paladini “pogobagneggio” un torneo di basket,  la corsa organizzata sulle mura in collaborazione con l’Asd L’Allegra Brigata la “Run like a Panda” o il trekking urbano “oltre l’ostacolo” organizzato a Lucca con lo scopo di condividere con il sorriso l’esperienza motoria rispettando le capacità di ognuno, camminando o spingendo una sedia a rotelle.

Inoltre a queste bellissime iniziative, i Lucca Sky Walkers sono riusciti a mettersi in evidenza anche nel basket giocato in campo, raggiungendo i play off nel campionato di promozione, frutto di impegno e determinazione durante gli allenamenti.

Ma c’è stato anche  un evento sempre organizzato da questi ragazzi che è stato veramente un qualcosa di straordinario, che nello sport solo in pochi lo hanno tentato riuscendoci. L’evento sportivo era quello di far tornare sul parquet, ed in questo caso quello del Palatagliate di Lucca, il grande atleta Dino “Odo” Petri offrendogli la possibilità di giocare alla rispettabile età di ben 60 anni e in un campionato della federazione. Un avvenimento che ha portato a smuovere campioni del basket italiano e mondiale per convincere “Odo” ad accettare questo invito e così il 10 febbraio scorso, centinaia di persone hanno riempito il Palatagliate di Lucca per rendere omaggio ad un grande Campione Lucchese, ma soprattutto ad un grande uomo! E la leggenda dello sport, Dino Petri, è così tornato in campo e non solo per calcare il parquet vestendo i colori degli Skywalkers e indossando il mitico numero 19, ma riuscendo nell’impresa di chiudere la carriera con un canestro. Ma gli organizzatori non si sono fermati solo ad allestire questo evento, ma hanno deciso che il ricavato della serata andasse a due associazioni, tra cui l’Associazione Onlus Il Sorriso di Stefano, che ha ricevuto la somma di 700 euro che è stata utilizzata per regalare, a più di cento bambini di Lampa in Perù, dove questa associazione ha inaugurato, proprio l’anno scorso, un comedor infantil, un kit di igiene personale e del materiale scolastico. Questi sono i “panda”, questi sono i “Lucca Sky Walkers #ilprogetto”.

 

Share