IL TAU SALUTA GLI ALLIEVI ELITE

I ragazzi di mister Bartalucci pronti ad affrontare il calcio dei grandi

 

unnamed (9)

ALTOPASCIO, 23 giugno 2017 – Un lungo cammino compiuto insieme che arriva alla meta: è questa la sensazione in casa Tau Calcio Altopascio di fronte al saluto degli Allievi Regionali Elite. La squadra di mister Bartalucci, infatti, ha terminato il percorso all’interno del Tau: i ragazzi, adesso, lasceranno il mondo giovanile per entrare nel calcio dei grandi.

 

«Vederli crescere – spiega Andrea Motroni, responsabile Scuola Calcio Inter e società affiliate – è una soddisfazione e un privilegio. Sono stati tutti ragazzi eccezionali che hanno saputo giocare con intelligenza e far fruttare il loro talento. Adesso entrano nel mondo del calcio degli adulti e si confronteranno con giocatori più grandi e con più esperienza. Ma sono certo che sapranno dare il massimo e rendere il Tau orgoglioso di loro».

 

Fin dalla sua prima composizione, il gruppo ha inanellato successi e vittorie. Si parte dal 2013/2014, quando, ancora Giovanissimi B, si sono aggiudicati la Coppa Cerbai, il torneo più importante per la categoria. La prima consacrazione arriva l’anno successivo, con la vittoria del campionato da Giovanissimi Regionali e la disputa della finale del campionato nazionale, persa per un soffio. Scudetto conquistato anche nella stagione 2015/2016, nel campionato degli Allievi B. Un gruppo affiatato, quindi, che ha chiuso il 2017 al secondo posto della classifica, scontando un girone d’andata con tanti infortuni che ha reso difficoltosa la scalata al vertice.

 

Una squadra che, anche a livello di singoli giocatori, ha saputo affermare il proprio talento. Nel corso degli anni dal gruppo dei ragazzi del 2000, infatti, sono usciti Filippo Benedetti, centrocampista recentemente sbarcato all’Udinese, il portiere Nicola Tintori, in nerazzurro con l’Inter, Matteo Mussi, attaccante ceduto al Livorno, Bartolomeo Marsicano, Emanuele Imperato e Christian Cefarielloandati al Siena, e infine Marco Meli e Lorenzo Cavallini alla Fiorentina.

Share