Il sindaco e l’assessore alla cultura celebrano la memoria di Norma Cossetto nell’anniversario della morte

Questa mattina il sindaco Mario Pardini e l’assessore comunale alla cultura Mia Pisano hanno deposto una rosa al Real Collegio sulla targa in ricordo del centro di raccolta profughi istriani, per celebrare la memoria di Norma Cossetto nel giorno della sua morte, avvenuta nella notte fra il 4 e il 5 ottobre 1943.

La giovane studentessa istriana – catturata, imprigionata, seviziata, violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata a morire in una foiba – è stata insignita nel 2006 con una Medaglia d’oro al merito civile alla memoria dal Presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi ed è considerata la figura simbolo delle vittime italiane delle foibe.

“Il dono di questa rosa è un doveroso ricordo, per un cammino di memoria già intrapreso da tempo dalla città di Lucca con una mozione del 26 gennaio 2021 approvata all’unanimità dal Consiglio comunale”, ha dichiarato il sindaco.

“È una giornata di ricordo importante – ha detto l’assessore Pisano -, sia per la memoria storica degli esuli del confine orientale, sia per ricordare una donna vittima di violenza, morta per la patria”.

Alla commemorazione erano presenti anche Guido Giacometti, referente per la Toscana dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), e Sergio Maraschini del comitato

 

 

 

 

 

 

provinciale.

 

Share