sara d'ambrosio sindaco

La sicurezza dei cittadini è un tema serio e complesso che merita la giusta attenzione e collaborazione da parte degli amministratori locali e non certo polemiche strumentali. Invece di esasperare i toni o fare leva sul populismo, riportiamo la discussione nelle sedi appropriate, dove, tra l’altro, è anche possibile prendere decisioni e coinvolgere i garanti principali della sicurezza di un territorio, le forze dell’ordine. Per questo motivo, alla luce anche degli ultimi fatti di cronaca che riguardano non solo Altopascio, ma anche gli altri comuni della Piana, chiedo al Prefetto di convocare un nuovo tavolo del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, per mettere in campo tutte le azioni possibili per contrastare la criminalità.

Torno a confermare la piena volontà da parte mia di intraprendere percorsi comuni, soprattutto tra amministrazioni confinanti, su alcune tematiche specifiche e tra queste, per me, ricade anche la sicurezza. Alcuni investimenti fatti ad Altopascio, come sul watch-dog, sono stati replicati anche in territori a noi limitrofi, a dimostrazione di quello che vado ripetendo da un anno almeno: la sicurezza non ha confine né colore politico, ma è solo questione di buonsenso.

L’amministrazione di Altopascio continua quindi a essere favorevole ad adottare percorsi di collaborazione: cosa che va fatta con la voglia, la pazienza e il sacrificio di chi accetta di mettersi intorno al tavolo, confrontarsi con i colleghi sindaci e proporre cose concrete.

L’unica cosa che interessa ad Altopascio: azioni concrete per il bene e la crescita della comunità.

Share