il secondo turno a Lucca di domenica 26 giugno ha risvolti interessanti da una parte, inquietanti dall’altra.
Inquietanti perché un candidato che si è presentato quasi come se fosse un civico, è stato costretto a ricorrere ad un’alleanza con l’estrema destra, con i novax e con il consigliere comunale uscente del M5S, che ora per effetto dei numeri, hanno di fatto il controllo di quella coalizione.
Interessanti perché dall’altra parte, abbiamo un candidato del Pd serio ed autorevole, come Francesco Raspini, intorno al quale per il secondo turno si è formata una coalizione che comprende la sinistra e le forze del centro, come Azione ed Italia Viva.
Lucca da sempre e’ una città moderata, domenica gli elettori sceglierannno, evitando salti nel buio.
il senatore ANDREA MARCUCCI

 

Share