Il pranzo della “benfinita”…

 


E poi arrivava il giorno in cui restava un ultimo campo di grano da falciare e si festeggiava la fine della mietitura.
Il pranzo era più completo e sostanzioso, si portava la zuppiera con la minestra, si beveva il vino buono, si mangiava nel piatto: era un giorno speciale che meritava di essere immortalato per sempre in una fotografia da tramandare ai posteri.

Share