Previsione sulle condizioni della montagna: a causa del rialzo termico e delle piogge di questi ultimi giorni, con alcune nevicate solamente alle quote più elevate (oltre i 1600 m.), il pericolo di valanghe tende a salire in questo fine settimana. La neve sarà bagnata e appesantita in superficie, e poggerà su strati nevosi consistenti ancora moderatamente consolidati solo su alcuni pendii ripidi.
La pioggia tenderà a diminuire la resistenza interna del manto nevoso causando la perdita di coesione tra i grani e lubrificando le superfici di separazione tra gli strati. Da questa situazione ci si potranno aspettare valanghe di neve bagnata sui pendii più ripidi, nelle zone di accumulo e lungo i canali, anche per un debole sovraccarico. Prestare quindi molta attenzione alla scelta del percorso per la propria uscita in montagna, considerando anche la difficoltà di individuazione e valutazione dell’itinerario a causa della scarsa visibilità dovuta alle condizioni meteo avverse.
Portare sempre con sé ARTVA perfettamente funzionante, pala e sonda, e ricordarsi di non uscire mai da soli e di lasciare detto dove ci si sta recando.
N.B. Questa è una previsione generale delle condizioni della montagna riguardante le zone dell’Appennino Tosco-Emiliano e delle Alpi Apuane, la sua consultazione non può escludere in alcun modo la necessità di una seria e capace valutazione locale del pericolo (singolo pendio) che può essere anche sensibilmente diverso.

 

Share