Il Percorso della Memoria: nel Giorno del Ricordo Seravezza intitola un parco pubblico alle vittime delle foibe e agli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia

Il Comune di Seravezza celebra domenica 10 febbraio il Giorno del Ricordo intitolando il parco pubblico di via Federigi, a Querceta, alle vittime delle foibe e agli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia. La cerimonia avrà inizio alle ore 10:00 e vedrà la partecipazione delle autorità comunali, di esponenti delle forze politiche e sociali e delle associazioni del territorio. Parleranno Riccardo Tarabella, sindaco di Seravezza, e Armando Sestani, membro del direttivo dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in provincia di Lucca. «L’Amministrazione Comunale dà seguito in tal modo a un impegno assunto a fine 2016 accogliendo una mozione presentata dal gruppo di “Idee in Comune”», dichiara Riccardo Biagi, presidente del Consiglio Comunale di Seravezza. «Con l’intitolazione di domenica si rende omaggio e si dà un segnale tangibile di memoria e di rispetto alle migliaia di connazionali vittime delle violenze legate nel secondo dopoguerra alle complesse vicende del confine orientale. Invito tutti i cittadini, e in particolare figli, nipoti e parenti degli esuli, a partecipare numerosi alla cerimonia».

Come si legge nella mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale di Seravezza “il Giorno del Ricordo è stato istituito nel 2004 dal Parlamento Italiano per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra. Una tragedia a lungo dimenticata che si erge come memoria perenne e dolorosa di quanto gli odi e i fanatismo politici, così come le ideologie totalitarie del Novecento, abbiano macchiato in maniera indelebile la storia dell’Europa contemporanea”.

 

Share