SMENTIAMO IL NS ARTICOLO PRECEDENTEMENTE PUBBLICATO DEL MOVIMENTO 5 STELLA COME DI SEGUITO ALLEGATO
CI SCUSIAMO CON I  NOSTRI LETTORI,
 
Con stupore ed incredulità ho ricevuto dal Movimento 5 Stelle di Seravezza queste informazioni:
1) è stata pubblicata sulla testata giornalista “Verde Azzutto Notizie” la seguente notizia (palesemente falsa):
2) a tutta risposta, sulla pagina ufficiale del M5S Seravezza (https://www.facebook.com/M5Sseravezza) ci sono stati i seguenti 2 post di risposta:
3) il Movimento 5 Stelle ha chiesto una immediata smentita della notizia. E a questo punto ha chiesto anche chi avrebbe rilasciato le dichiarazioni che sono state pubblicate, senza averne alcun titolo. Faccio inoltre notare che, chiunque abbia pubblicato (o pubblicherà) notizie false e tendenziose (senza fare nomi e cognomi e usando il nome ed il logo del M5S in modo improprio), se ne assumerà tutte le responsabilità (in sede civile e penale) per i danni arrecati a pochi giorni dalle elezioni.

 

 

Gianluca Ferrara
Vicepresidente M5S Senato e Capogruppo M5S Terza Commissione Affari Esteri-Emigrazione

CI SCUSIAMO PER IL DISGUIDO

IL DIRETTORE

 

 

 

 

 

 

Il M5S di Seravezza non appoggerà la candidata sindaca e attuale vicesindaca, Valentina Salvatori – “Non abbiamo nessun accordo con il PD e calarlo dall’alto è antidemocratico”.

 

Il Movimento 5 Stelle di Seravezza informa tutti i cittadini che non ha fatto nessun accordo elettorale con il PD per appoggiare la candidata Salvatori della lista Creare Futuro alle prossime elezioni amministrative a Seravezza del 3 e 4 ottobre. Il fatto che avevamo valutato e deciso di non presentare una lista a queste elezioni e alleanze elettorali con nessuna lista, non autorizza nessuno a scavalcare il gruppo locale per cercare accordi di potere.

 

Prendiamo pertanto le distanze e ci opporremo a tutti i livelli per quello che cercano di fare il senatore viareggino dei 5 Stelle Gianluca Ferrara con Ettore Neri della segreteria del PD versiliese.

Non accettiamo imposizioni dall’alto per accordi di esclusivo potere e ci opporremo a questo modo antidemocratico di gestire i territori.

La contrarietà del Gruppo 5 Stelle di Seravezza ad un accordo con il PD locale non è basato su questioni ideologiche, ma su programmi e azioni differenti, tanto che alle elezioni del 2016 è stata presentata una lista 5 Stelle proprio per cambiare le politiche delle precedenti amministrazioni definite da loro virtuose, ma invece lontane dai problemi dei cittadini, che in questi ultimi 5 anni sono pure molto peggiorati.

Il PD ha sempre avuto un atteggiamento di chiusura respingendo qualsiasi proposta presentata da noi e dagli altri gruppi di opposizione e adesso cerca di farci imporre un accordo elettorale dall’alto. Con quale coerenza vi proponete come forze progressiste e democratiche se poi vi comportate in questo modo, come lo stesso Neri che cancella sui social i messaggi di nostri attivisti che esprimevano il disappunto ad eventuali alleanze.

Le alleanze si fanno sul territorio, con il dialogo sui programmi e non imponendo dall’alto accordi politici che sono solo una forzatura offensiva dei valori della democrazia.

Avremo preferito parlare e confrontarci di temi quali la tutela dell’ambiente, il lavoro, la sanità e sociale, la scuola, gli Usi Civici, del decoro urbano, la qualità della vita dei nostri cittadini, delle politiche giovanili e dei servizi agli anziani, dei bisogni delle famiglie e delle persone fragili, per non parlare della situazione dei lavoratori e della riduzione di servizi agli anziani ospiti del Pio Istituto Campana, denunciata dal sindacato alcuni mesi fa, che non ha ricevuto nemmeno udienza da parte dell’amministrazione comunale. Che dire poi della forzatura all’ultimo Consiglio Comunale del 11 agosto, dove volevate approvare un documento politico non certo a difesa difesa dei Beni collettivi dell’Asbuc della montagna, ritirato grazie ad alcuni consiglieri di maggioranza che non condividevano il contenuto, come tutta l’opposizione, e che avete approvato ugualmente con una delibera di Giunta il 25 agosto.  A tutto questo, che riguarda la qualità della vita dei cittadini, invece vediamo solo azioni di forza per un accordo elettorale e di potere locale.

Non ci sono pertanto i presupposti per un appoggio elettorale e siamo sicuri che i cittadini e gli elettori 5 Stelle non seguiranno le vostre indicazioni di voto, come gli oltre 20 gruppi 5 Stelle di molte province Toscane che in questi giorni stanno esprimendo il loro dissenso a questi accordi imposti dall’alto a Seravezza e a Massarosa.

Abbiamo chiesto all’assemblea nazionale 5 Stelle un immediato interessamento perché la cittadinanza non comprende questa scelta imposta dal senatore Ferrara, calata dall’alto in modo arrogante e antidemocratica, lontanissima dai principi fondanti e attuali dei 5 Stelle, che comprometterebbe il lavoro di tanti anni sul territorio e la credibilità del Movimento 5 Stelle a tutti i livelli.

E’ bene che tutti i cittadini sappiano di questi giochini, non pensate di ottenere consenso dai cittadini di Seravezza perché non sono così ingenui per non capire di che manipolazione siete stati capaci di fare. Tutti i cittadini, compresi gli elettori e simpatizzanti del PD, è giusto che conoscano la verità dei fatti.

 

 

Seravezza, 27 settembre 2021

Share