Orgoglio Comune: più manutenzione e attenzione agli acquedotti presenti sul territorio.

Il gruppo in opposizione a Borgo a Mozzano, chiedono nuovamente la possibilità di un tavolo di concertazione tra il comune e l’ente preposto alla manutenzione degli acquedotti sul territorio.
Dopo  l’interrogazione depositata a giugno del 2021 con oggetto la richiesta di un intervento all’acquedotto situato ad Oneta – esordiscono i consiglieri Lorenzo Bertolacci, Yamila Bertieri,  Enza Brunini e Indro Marchi – ci sono sopraggiunte nuove segnalazioni che riguardano la non buona situazione in cui tali strutture continuano a torovarsi in particolar modo quello di Dezza. Sappiamo bene- proseguono gli esponenti di Orgoglio Comune- che  l’autorità di ambito territoriale ha affidato la gestione del servizio idrico integrato dei Comuni ad un gestore, ma, crediamo visto gli aumenti di trascuratezza dovuta alla scarsa manutenzione  sul tali strutture,  che un incontro tra i due enti (comunale e gestore del servizio idrico) sia necessario  perché la situazione  in cui si trovano gli acquedotti del  nostro territorio  vessato da continue perdite di acqua e di impianti con condutture principali obsolete,inducono a rafforzare questa richiesta  dato che la prima è stata respinta dall’amministrazione circa otto mesi fa.

Da giugno ad oggi la situazione però sembra essere peggiorata: l’acquedotto di Dezza infatti, situato lungo la strada principale, presenta tubi incustoditi con le relative chiavi di aperture e chiusura e la mancanza dello sportello.
Non vogliamo  entrare nel merito  di chi sia la responsabilità della manutenzione ordinaria e straordinaria ma, sicuramente una soluzione deve essere trovata come nel caso di Anchiano, in via della Corte dove, come sempre segnalato dai cittadini, pare non esserci acqua agricola per causa problemi alle vecchie condutture che passano sotto la  strada la quale, necessita a sua volta di un intervento di riparazione.

Share