IL GRILLO IL SAGGIO CANTERIN

Son piccin, cornuto e bruno;
me ne sto fra l’erbe e i fior:
sotto un giunco o sotto un pruno
la mia casa è da signor.
Non è d’oro e non d’argento,
ma rotonda e fonda elI’ è:
terra è il tetto e il pavimento,
e vi albergo come un re.
Canto all’alba e canto a sera
in quell’atrio o al mio covil.
So che il cantico d’un grillo
è una gocciola nel mar;
ma son mesto, s’io non trillo:
deh! lasciatemi cantar. (Giovanni Prati)

Il grillo, saggiamente, ci invita ad apprezzare quello che abbiamo e a vedere il lato bello di ogni cosa.. Chi è dotato di tali virtù, infatti, non è mai infelice…A domani !19989315_10154783022256814_7343193993731819889_n

Share