Il digiuno del Venerdì Santo.

Il Venerdì Santo è, per la Chiesa, giorno di digiuno, in unione con il sacrificio di Gesù sul Calvario: si prescrive di fare un solo pasto frugale, oltre a una piccola colazione, o non mangiare nulla fino al tramonto.
San Francesco raccomandava un digiuno a pane e acqua: questa forma non insiste né sul togliere i pasti né sulla quantità, cosa difficile per molti che lavorano, ma esige di non cibarsi d’altro se non di pane e acqua.
E allora forse sarà concessa anche una frugale bruschetta aglio e olio, per fare di questa prassi un sacrificio più lieve…

Share