Il cibo frugale di campagna: i radicchi con i “bruciatini”…

Sono i radicchi selvatici, che nascevano lungo le capezzagne, tra i filari di vite e sui bordi dei campi, a fine inverno…Un tempo era cibo dei poveri, ora il radicchio di campo è un ortaggio molto ricercato e di nicchia.

Si condivano con pancetta o lardo e aceto caldo, versati sulla verdura pronta in una terrina, da gustare all’istante. Si taglia a tocchetti la pancetta fresca, si rosola in una padella e quando i ciccioli sono ben croccanti, si aggiunge l’aceto rosso ( oggi si usa anche quello balsamico), si fa sfumare e si versa il tutto sull’insalata già condita con sale e pepe.
Da noi si mangiano per cena schiacciati tra due spicchi di piada.

Share