Dopo un periodo triste per la morte del papà, il cantautore lucchese Joe Natta si ripresenta al pubblico  con il nuovo concept album dal titolo: “Il ritorno delle anatre spaziali”. Un lavoro musicale ispirato e dedicato al cantautore americano Daniel Johnston, contiene 20 nuove canzoni ed e’ disponibile sui principali stores digitali e in streaming gratuito su youtube e spotify.

<<Con questo mio nuovo album personale cantautorale – spiega Joe Natta – sto ripartendo piano piano riprendendo in mano la mia vita grazie alla musica principalmente. Il concept, che è uscito oggi 2 marzo 2020, è ispirato e dedicato al grandissimo cantautore americano Daniel Johnston, uno dei miei preferiti, purtroppo scomparso lo scorso settembre. Daniel Johnston è stato anche un pittore e fumettista e la copertina di questo album è formata da un mio disegno che, ricreando a mio modo il suo stile, riprende la cover del suo capolavoro del 2012 “Space Ducks”. “Il ritorno delle Anatre Spaziali” è un lavoro cantautorale anomalo, diviso in 3 parti, una per Daniel, con canzoni ispirate dalla sua splendida musica e una scritta appositamente in suo onore. Una seconda parte dell’album è invece una satira pungente contro questa società ormai schiava dei social network, della televisione, piena di odio, indifferenza, intolleranza, ignoranza e con la totale mancanza di valori e identità, dove ormai dilaga l’analfabetismo funzionale. L’ultima riguarda infine, il piacere di leggere, che fortunatamente ancora oggi (r)esiste, con alcune canzoni dedicate a quei libri che mi hanno ispirato particolarmente leggendoli durante la lavorazione dell’album fra i quali “Il libro dei mostri” di Juan Rodolfo Wilcock, “Il formaggio e i vermi” di Carlo Ginzburg (fantastico saggio sull’inquisizione in Italia nel 1500), “Casa d’altri” di Silvio D’Arzo (pseudonimo di Ezio Comparoni), un racconto bellissimo che Eugenio Montale definì a suo tempo “il racconto perfetto”. Poi altri libri e altri autori di cui ho voluto cantare nelle 20 canzoni che compongono l’album>>.

 

 

 

 

 

 

 

 

Da segnalare inoltre che è appena uscito il video ufficiale del primo singolo estratto dall’album che si intitola: “C’è ancora molto da ridere” e si può ascoltare/vedere su YouTube. Sempre su YouTube si trova anche il recente brano: “Canzone per Italo Meschi, l’ultimo trovatore italiano”. Con questo brano Joe Natta ha voluto rendere omaggio a questo chitarrista, anzi, “chitarpista” lucchese dei primi del ‘900 la cui figura ha da sempre affascinato il cantautore di Ponte a Moriano.

<<Italo Meschi è stato un personaggio conosciuto in tutto il mondo – commenta Joe Natta – per la sua bravura, ma sempre umile e ascetico, per questo ho voluto dedicargli una canzone con la convinzione che il suo ricordo non vada dimenticato, ma riscoperto il più possibile, per tutto ciò che ha fatto e per tutto ciò che ci ha lasciato, per la sua musica, le sue poesie, i suoi ideali, i suoi principi, i suoi valori di pace, tolleranza e, non per ultima, la sua infinita bontà d’animo. Invece per quanto riguarda il progetto “Leggende Lucchesi” sono stato invitato lo scorso giovedì alla “Scuola secondaria di primo grado Michelangelo Buonarroti” di Ponte a Moriano per parlare con gli alunni delle classi seconde del mio progetto musicale di riscoperta folclorica. È stata una bellissima esperienza, i ragazzi si sono divertiti e mi hanno fatto tante domande interessanti. Ylis invece, la violinista del gruppo, è impegnata fino ad aprile a Piazza al Serchio al “Museo italiano dell’immaginario folklorico” con dei laboratori di disegno a carboncino per bambini della scuola primaria, sempre inerenti alle leggende e favole della Garfagnana. Il nostro libro “Chi ha paura del Linchetto?” scritto assieme ad Alessio del Debbio, con introduzione del Prof. Paolo Fantozzi, dopo solo 6 mesi dall’uscita è già in ristampa. Siamo felicissimi di questa notizia e vi aspettiamo il 25 aprile al Real Collegio di Lucca per una “presentazione concerto” all’interno del festival “Lucca città di carta 2020”. Infine sono contento di annunciare una nuova collaborazione col poeta Zairo Ferrante, fondatore a Ferrara nel 2009 del “Dinanimismo”, movimento poetico-artistico già riconosciuto dalla critica letteraria. Poeta che stimo tantissimo e che reputo uno dei migliori fra i contemporanei. Con Zairo, dopo aver musicato una sua poesia all’interno del mio progetto “Musica e Poesia”, abbiamo deciso di scrivere insieme delle canzoni che andranno a far parte di un album “in divenire”: non si sa quante canzoni saranno e se l’album verrà mai completato, ma quando “l’urgenza creativa” si farà sentire pubblicheremo i nostri lavori in questo progetto>>.

Da questo progetto la prima canzone uscirà il prossimo lunedì, esclusivamente in ascolto gratuito su YouTube, e si intitolerà “La ballata dell’amore rinato” che, nonostante il titolo, parla di temi purtroppo molto attuali. Quando l’album sarà completo si intitolerà: “Parole e musica in divenire” e si potrà ascoltare liberamente tramite la playlist ufficiale creata appositamente sempre su YouTube.

<<Ultima, ma non per importanza, – conclude Joe Natta – è la collaborazione con Maria Pia Michelini, insegnante lucchese nella scuola dell’infanzia, bravissima scrittrice e carissima amica. Assieme a lei stiamo preparando un album di canzoni per bambini che uscirà presto in ascolto gratuito su YouTube>>.

Share