Il 6 aprile 1912 moriva a Bologna il poeta Giovanni Pascoli, maestro di lirismo e decadentismo.

“È dentro noi un fanciullino. Noi cresciamo, ed egli resta piccolo; noi accendiamo negli occhi un nuovo desiderare, ed egli vi tiene fissa la sua antica serena maraviglia; noi ingrossiamo e arrugginiamo la voce, ed egli fa sentire tuttavia e sempre il suo tinnulo squillo come di campanello”.

 

FONTE FOSUC STORIA

Share