I prodotti tipici: il Fagiolo dall’occhio.

In Italia il fagiolo è stato coltivato fin dall’antichità.
Era il fagiolo dall’occhio, l’unico fagiolo autoctono del Vecchio Mondo, essendo originario dell’Africa e dell’Asia, da non confondere con i fagioli che si trovano oggi in commercio, che provengono invece dall’America.
Il fagiolo dall’occhio , chiamati così per la caratteristica macchiolina nera tonda, è piccolo, con buccia sottile e pasta cremosa.
Se un tempo erano molto consumati e fino a qualche decennio fa ancora apparivano sulle nostre tavole, ora sono quasi scomparsi.
Quelli che troviamo in commercio, se li troviamo, provengono quasi tutti dalla Nigeria, grande produttrice in quanto questo legume sopporta molto bene la siccità e cresce vigoroso anche nei terreni aridi.
Il fagiolo dall’occhio era il classico fagiolo dell’orto di campagna. Erano molto consumati nelle famiglie di una volta: col sugo di fagioli si condiva la polenta, oppure si facevano minestre in brodo con fagioli e manfrigoli o maltagliati di pasta matta, spesso a fine settimana, per utilizzare il pane secco o la piadina avanzati i giorni prima.
E poi c’è la zuppa con i “fasùl s-cèt” cioè schietti, da soli, senza pasta….al massimo solo qualche tenera cotica.

Share