I mercanti, lo sapevano bene i Lucchesi nel Medioevo, che poi hanno perso del tutto l’attitudine, sono, per natura, destinati a viaggiare. Spesso, perché, – ma può essere una nostra visione distorta! – non sono “bene” accolti in Patria!

Così, oggi siamo andati a cogliere i lucchesi Mercanti per caso, quelli più conosciuti come le “Carabattole” che hanno messo in piedi un mercatino al Saliscendi di Monte S. Quirico da far invidia ed oscurare il Mercato Antiquario che sta lentamente languendo, ma che non sono, per usare un eufemismo, molto seguiti ed aiutati a Lucca.

Così ripetono, per pura capacità imprenditoriale, il loro successo all'”estero”.

Ad esempio a casa del poeta Giusti, in quel di Monsummano.

Poiché nel Vangelo è scritto che “nessuno è profeta in patria”, qui sono accolti a braccia aperte. Chi non lo farebbe, visto che sono capaci di smuovere centinaia di professionisti delle bancarelle ed altre centinaia di venditori improvvisati, che svuotano le nostre case piene stracolme di roba, le soffitte, le cantine e, come avviene all’estero da molto più tempo, s’improvvisano commercianti, passando una giornata all’aria aperta, a contatto ed in scambio con gli altri!

 

 

foto 1-2

 

foto 4-2

 

foto 4-1

 

 

foto 5-2

 

 

 

foto 2-2

 

foto 3-2

 

 

Share