Un ragazzino di 7 anni, di nome Nicolás, è diventato un eroe dopo che grazie al suo coraggio ha salvato un cucciolo dalla crudeltà di un gruppo di bambini che erano disposti a ucciderlo.

Il fatto si è svolto nel quartiere di Las Heras, nella zona sud di Rosario

Nicolás racconta che ha visto 4 bambini più grandi di lui, tra gli 8 e i 12 anni, l’avevano messo in una scatola di cartone, e poi l’hanno annegato in un fosso con l’unico scopo di ucciderlo; non senza prima di dargli un calcio al cucciolo indifeso.

Il piccolo non poteva credere che stessero facendo qualcosa del genere a un cane; lui, che è un amante degli animali, non avrebbe permesso di continuare con tanta crudeltà, così ha chiesto loro di smettere di picchiarlo e rapidamente ha chiamato sua madre per chiedere aiuto.

E con sua madre Gisela, riuscì a salvare il cucciolo dalle mani dei bambini crudeli.

“Erano disposti a ucciderlo! Se Nicolás non fosse intervenuto lo avrebbero ucciso “, disse la madre

E con questo gesto nobile, Nico è diventato un eroe dopo che la sua storia è diventata virale.

“Sono andato in bicicletta e ho visto che hanno preso a calci il cane, volevano affogarlo gettandolo in un fosso”, ha detto Nicolas ai media.

Poi portarono il cane a casa e dopo avergli fatto il bagno e dandogli tutte le cure necessarie, il ragazzo ebbe un’iniziativa più nobile: chiese a sua madre se potevano portare il cane dal veterinario, e che lui avrebbe pagato il conto con i tuoi risparmi.

La madre, commossa, non poté fare a meno di accettare la sua proposta, e in un’intervista con i media disse di non essere sorpreso dall’atteggiamento di suo figlio, dal momento che ha un cuore d’oro e fin da bambino è stato un fervente amante degli animali. 

Nicolás, da parte sua, è felice di essere stato in grado di aiutare il cucciolo che hanno già battezzato Esteban, ma lacrime di dolore cadono sul suo viso ogni volta che ricorda la crudeltà di coloro che lo ha maltrattato.

Facebook

Sebbene Esteban fosse già molto a suo agio in casa di Nico, la madre sapeva che non potevano tenerlo perché avevano già altri animali domestici. Fu allora che chiese a un cugino che è un avvocato degli animali di pubblicare la storia per trovare una casa sicura per il cane.

Immediatamente, l’eroismo di Nico divenne virale e centinaia di utenti nelle reti applaudirono il suo coraggio.

Tuttavia, nonostante il fatto che molti volontari si sono offerti volontariamente per dare una casa al cucciolo di 2 mesi, Gisela ha confessato che l’affetto del cucciolo per il bambino era tale che se lo aspettava ogni giorno quando tornava da scuola. Così hanno preso la decisione tenerlo in casa per sempre.

Storie come queste con un lieto fine meritano di essere condivise e applaudite. Che gesto coraggioso di Nico! Quanto ci resta da imparare!

Share